DNB-C: Scauri, lascia il Presidente Mancini

DNB-C: Scauri, lascia il Presidente Mancini

Commenta per primo!

Quando nella vita all’improvviso ti capita di trovarti coinvolto in un progetto che insieme ti spaventa e ti entusiasma l’ultima cosa a cui pensi, dopo averlo abbracciato con folle euforia, è come e quando finirà! Da quel giorno sono trascorsi 8 anni e quel momento, mio malgrado, è arrivato.

E’ stata un’avventura esaltante pur nelle notevoli difficoltà incontrate e, vi assicuro, spesso l’impegno profuso, non sempre percepito esternamente nella sua complessità, è stato superiore alle mie oggettive possibilità e solo la ferma convinzione delle mie idee, unitamente al supporto di stupendi compagni di avventura, hanno fatto si che giungessi ad affrontare questo momento con orgoglio e vanto anche se con inevitabile commozione. La tradizione cestistica scaurese meriterebbe senz’altro e ancora un’ulteriore possibilità ma gli sforzi necessari, credetemi, sono enormi e non più ripetibili.

Sento, perciò, forte la necessità di ringraziare lo sponsor ufficiale AutoSoft nella persona di Sergio Cerro, senza il quale non sarebbe stato possibile e realizzabile, per la stima e la fiducia accordatami e l’entusiasmo profuso in questa stupenda esperienza.

Gli 8 anni che l’hanno visto impegnato sono stati coronati da costanti e progressivi successi portando il Basket scaurese ai massimi livelli della serie B2. In questi anni Sergio Cerro non mi ha mai fatto mancare la sua approvazione nelle decisioni prese, per quanto delicate e difficili fossero state le situazioni affrontate e da neofita del basket l’ho visto trasformarsi in convinto sostenitore e molto di più.

Un grazie di cuore ai Dirigenti tutti per la disponibilità e l’impegno profusi, al Comitato Sostenitori per la fattiva partecipazione, agli allenatori avvicendatasi, ai giocatori, apprezzati tutti, pur nella loro simpatica diversità, allo staff medico, a quello amministrativo, logistico, agli addetti stampa e ai tifosi tutti.

Un grazie particolarmente sentito, ai calorosi Ultras, insostituibili, che hanno sostenuto sempre e ovunque la squadra, anche con notevole sforzo economico, senza, tuttavia, avanzare mai alcuna richiesta.

Grazie, infine, a quanti hanno creduto nell’AUTOSOFT anche nei momenti più difficili.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy