DNB, Finale gir. C: il Nord Barese batte Roseto e mantiene il fattore campo

DNB, Finale gir. C: il Nord Barese batte Roseto e mantiene il fattore campo

La Madogas Natural Energy CMA Bnb mantiene il fattore campo in gara 1 di finale contro la Mec-Energy Roseto vincendo per 71-64 al termine di una partita bella perché intensa, bella perché è pur sempre una finale ma che di certo non ha regalato spettacolo. La squadra di Cadeo partiva bene, chiudeva avanti di undici il primo quarto (22-11) e arrivava anche al +14 con i due pivot Ancellotti (11 punti e 11 rimbalzi) e Corral (11 punti) a sopperire alla mira sbilenca da oltre l’arco dei compagni. Roseto però riusciva a rientrare con il brindisino Lillo Leo e con il top scorer del match Petrucci (19 punti). La Bnb si spegneva nel terzo quarto e non riusciva più a bloccare uno scatenato Stanic che firmava il sorpasso sul 45-48, ma nell’ultimo periodo i pugliesi prendevano qualche punto di vantaggio e lo mantenevano con una formidabile difesa, marchio di fabbrica della squadra del territorio.

L’avvio prometteva bene, con due schiacciate di elevato tasso tecnico firmate Leo e Ancellotti, ma il peso della partita si faceva sentire con le due squadre che commettevano parecchi errori. I giocatori si lasciavano andare ad una sfida maschia, con contatti anche eccessivi vedi la gomitata (fortuita?) che Di Giuliomaria rifilava a Ferraro per fortuna senza conseguenze per il numero sette arancio. Roseto non riusciva a creare buone azioni facendo molta confusione in attacco, e così la Bnb firmava il primo allungo del match con in campo tre piccoli (Merletto, Zaccariello e Palombita) e i due pivot Corral e Ancellotti; Melillo provava a trovare le contromisure pescando dalla panchina D’Arrigo e Marini ma non c’era verso di arrestare la corsa del Nord Barese (15-5 al minuto 8). I padroni di casa erano efficaci anche in difesa raddoppiando magistralmente Stanic a centrocampo e mandando in confusione il play argentino. Sette punti in fila di uno scatenato Daniele Merletto chiudevano il primo quarto con la Bnb in controllo nonostante non entrassero le triple (22-11 al 10’).

All’inizio del secondo periodo coach Melillo rimetteva in campo i grossi calibri, ma per quasi tre minuti nessuna delle squadre riusciva a trovare il fondo della retina; a sbloccare il punteggio ci pensava Ancellotti con un gioco da tre punti pesantissimo che costringeva un pessimo Di Giuliomaria (0 punti e -6 di valutazione in 13 minuti) a commettere il suo terzo fallo. Roseto non trovava soluzioni comode in attacco e si innervosiva toccando il -14 e rischiando di sprofondare, ma il terzo fallo di Ferraro scuoteva gli abruzzesi che firmavano un break di 1-8 propiziato da Leo e Petrucci (26-19 al 18’). Roseto sembrava più sciolta in attacco rispetto ad una Bnb che nel secondo quarto trovava soltanto tre canestri dal campo e tutti con i propri lunghi Corral e Ancellotti (32-25 all’intervallo).

Il terzo quarto era sicuramente il più spettacolare, con la Bnb che partiva a razzo e con la bomba di Stella ed il contropiede vincente di Palombita lasciava scioccata Roseto (41-29 al 22’). Senza nemmeno bisogno del timeout Roseto rientrava in un amen, fermando prima l’emorragia con la tripla di Ciccio Amoroso e poi riavvicinandosi con l’incoscienza del diciannovenne Marini, splendido nel segnare punti fondamentali e recuperare palloni vaganti e rimbalzi d’attacco. La Bnb provava a riprendere ossigeno con Merletto ma il momento peggiore per i ragazzi di Cadeo arrivava dopo il tecnico fischiato a Zaccariello, quando Stanic prima pareggiava con una lacrima alla Navarro e poi firmava il clamoroso e inatteso primo vantaggio rosetano (45-48 al 27’). Il Nord Barese si svegliava appena in tempo con il guerriero Corral, rimettendo la testa avanti nella bolgia del Pala Colombo (55-51 al 30’).

L’inizio dell’ultimo periodo era tutto favorevole alla Bnb, con un tecnico per simulazione fischiato a Stanic che dava il là ad una mini fuga (60-53 al 33’). Roseto però non mollava e trovava canestri anche con un pizzico di fortuna come quello del -5 di Petrucci (62-57 al 35’). Gli abruzzesi rimanevano in vita grazie ai rimbalzi d’attacco (possessi extra per Roseto in quattro azioni di fila), ma non riuscivano mai ad agganciare i pugliesi: Amoroso, poi, si beccava un tecnico per eccessive proteste a 44 secondi dalla fine; la Bnb era imprecisa dalla lunetta, ma il vantaggio accumulato era sufficiente per siglare il vantaggio nella serie e andare a Roseto mercoledì con in mano il match point per la LegaDue Silver.

MADOGAS NATURAL ENERGY CMA BNB – MEC ENERGY ROSETO 71-64 (22-11; 32-25; 55-51; 71-64)

NORD BARESE: Zaccariello 8, Palombita 15, Ancellotti 11, Stella 10, Ferraro 7, Merletto 9, Corral 11, De Angelis, Onetto, Sabbadini. Coach: Cadeo.

ROSETO: Stanic 15, Petrucci 19, Leo 6, Marcante 4, Di Giuliomaria, Marini 9, Amoroso 8, Caruso 2, D’Arrigo 1, Faragalli Serroni n.e. Coach: Melillo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy