DNC, 6a Giornata Fase ad orologio – Il punto, in esclusiva, del Girone H

DNC, 6a Giornata Fase ad orologio – Il punto, in esclusiva, del Girone H

Commenta per primo!

Si è giocata, nel fine settimana, la sesta e ultima giornata della fase ad orologio. Un turno, in realtà, ininfluente per la classifica e per la prossima fase play-off.

Solo vittorie interne, cominciando dal fortunato sabato delle due formazione reggine. La Nuova Jolly supera 79-45 il Paternò, già retrocesso, e conquista il quarto successo consecutivo in questa fase. Partita senza problemi per la squadra di coach Barbuto, che ha approfittato per dare minuti ai giocatori meno utilizzati. Dal primo all’ultimo quarto, i reggini dominano il gioco e si distinguono, soprattutto, Livera con 22 punti, Iannicelli con 15 e Suraci con 11. I parziali rendono bene l’idea di un match a senso unico e della differenza tra le due compagini, divise all’intervallo lungo da ben 23 punti e, alla fine, da 34: 23-12; 40-17; 58-33; 79-45. Tra gli ospiti, doppia cifra solo per Famà (17) e Lo Faro (15). La Nuova Jolly chiude così all’ottavo posto con 18 punti, mentre Paternò saluta la categoria con appena due punti.

Terzo successo consecutivo per la Vis Reggio Calabria che si impone 72-64 sul Marsala, in una gara che è un semplice allenamento. L’avvio di match premia i padroni di casa che chiudono avanti di 7 (19-12) il primo periodo e vanno all’intervallo lungo sul +8 (31-23). Marsala, però, anche se non ha più nulla da chiedere, gioca senza pressioni e, nel terzo quarto, fa soffrire i padroni di casa: gli ospiti, così, trovano anche il vantaggio guidati da Azan (18 punti) che si conferma sempre tra i migliori, e alla fine il gap è solo di 4 punti: 51-47. La Vis, però, vuole chiudere con una vittoria e, nell’ultimo quarto, non sbaglia nulla conquistando i punti per l’allungo decisivo sul 72-64. In doppia cifra, Grasso (17) Marseglia (12), Pellicanò, Gjnaj e Zampogna (11), mentre tra i siciliani Bellanca (12) e De Bartolo (10).

La Gaudium Canicattì ottiene gli ultimi due punti battendo 65-56 l’Amatori Messina, che resta in partita fino all’ultimo quarto. Prima mezz’ora di equilibrio con le due squadre sempre divise da pochi punti: 20-16, 37-34, 49-45. Barbaro (23 punti) e Festino (18) sono particolarmente prolifici sotto canestro, mentre tra i neroarancio replicano Restuccia (21) e Adorno (18). L’allungo decisivo di Canicattì nella parte finale del quarto parziale, quando la precisione degli uomini di coach Ceccato fa la differenza e chiudono il match sul 65-56.

Infine, facile successo, il 24° su altrettanti incontri, per il CUS Messina, che liquida Catanzaro con un netto +44 (95-51): tutti a segno i giocatori peloritani con capitan Contaldo, Gullo (15), Nino Sidoti (11) e Di Dio (10) in doppia cifra. Dominio costante per la squadra di coach Sidoti che, già nel primo quarto, indirizza a suo favore il match con un 32-15 al 10’. Catanzaro cerca di opporre resistenza, ma senza risultati e, all’intervallo lungo, il divario supera già i venti punti (46-25). Fall con 25 punti e Rotundo con 10, unici in doppia cifra tra i calabresi, non bastano per ridurre il gap e il CUS non si ferma chiudendo sul +26 al 30’ (64-38). Ultimo quarto solo per le statistiche e per aumentare ancora lo score dei messinesi, che concedono appena 13 punti contro i 31 realizzati. Ennesima prova di forza della capolista CUS Messina, che si presenta in gran forma alla fase play-off, al via tra una settimana.

CLASSIFICA

CUS Messina 48, Acireale 38, Catanzaro 34, Gela 28, Gaudium Canicattì 28, Redel Vis Reggio Calabria 24, Amatori Messina 18, Nuova Jolly Reggio Calabria 18, Marsala 14, Gioiese 12, Paternò 2

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy