DNC, Le Finali, Girone D – S.Elpidio tiene il fattore campo, DNB a un passo

DNC, Le Finali, Girone D – S.Elpidio tiene il fattore campo, DNB a un passo

Commenta per primo!

Ecoelpidiense PSE – Castiglione Murri  78-71

Serie: 1-0

Parziali: 18-28;37-45;65-60

Arbitri: Marco Guarino di Campobasso e Marco Barbiero di Campobasso

Spettatori: 2000

Ecoelpidiense PSE

Torresi 4, Polidori 18, Tombolini 11, Sagripanti 4, Valentini 6, Chiericozzi, Postacchini, Monticelli 13, Carletti 13, Facenda 10. All.re Schiavi

San Lazzaro

Gianasi ne, Verardi 5, Fabbri, Maccaferri 9, Burresi 4, Rambelli 9, Rossi 15, Lollini 27,Bianchi 2, Sgorbati ne. All.re Bettazzi

40 minuti di passione pura, 40 minuti di emozioni che solo una finale playoff possono regalare. Il primo set si colora di biancoazzurro ma guai a fare voli pindarici. La Ecoelpidiense dopo due periodi in netta difficoltà ed in balia di un avversario che trivella la retina biancoazzurra da ogni angolazione, trova le forze per reagire e come accaduto con Castiglione Murri mette la freccia nel finale grazie ad un maestoso Mirko Polidori e all’intramontabile Bicio Facenda.

Era davvero partita male gara 1, complice la tensione ed un approccio deficitario, Rambelli e compagni sembrano incontenibili e alla prima sirena è 18-28 per i bolognesi. La difesa di casa, autentico cavallo di battaglia di coach Schiavi, fa acqua da tutte le parti e anche nel secondo parziale la musica non cambia. Lollini è mortifero, Burresi al 14’ porta i suoi avanti di 11 (28-39). La Ecoelpidiense paga ancora una volta le deficitarie percentuali dai 6.75 ed è il solo Polidori a contenere il dilagare bianco verde. All’intervallo lungo i biancoazzurri limitano i danni e chiudono sotto di 8 (37-45).

Dal ritorno dagli spogliatoi però esce una Ecoelpidiense profondamente mutata. Monticelli pronti via spara la bomba del -5 (40-45) , Lollini non molla (40-48) ma il vento è cambiato. Facenda e Carletti sfruttano subito il raggiungimento del bonus bolognese e dalla lunetta ricacciano i biancoazzurri a -2 (50-52 due punti di Tombolini).

Il Palas di Via Ungheria esplode quando Facenda insacca la bomba del sorpasso (53-52). E’ la svolta, la partita cambia radicalmente. E’ ancora Polidori a prendere per mano i suoi con quattro punti consecutivi seguiti dalla bomba di Tombolini (60-58 al 27’). Alla penultima sirena è 65-60 per PSE. Lo spettacolo sulle tribune è degno di un play-off di serie A, i quasi 2000 elpidiensi sono tutti in piedi per spingere Carletti e compagni verso il successo. Come nella terza frazione apre un canestro e fallo di Monticelli, PSE vola +6 (68-62) con gli ospiti che hanno finito la benzina. Facenda da il massimo vantaggio alla Ecoelpiense a meno di sei minuti dal termine (bomba del 65-54).

Un +11 che è la firma su una domenica da ricordare. Gli ultimi minuti non cambiano la storia del match, l’esperienza dei biancoazzurri chiude la gara sul 78-71. Il primo mattone è stato messo.

Un plauso va al pubblico elpidiense che ha gremito il Palas creando un atmosfera unica in un campo di Serie C, è stata una domenica di grande sport ed è stata la vittoria anche della civiltà dopo le tante tensioni post Castiglione Murri. Un tifo caloroso, di categoria doppiamente superiore ma che non ha mai sfociato in atti antisportivi.

Ora inizia la settimana più lunga, da qui a giovedi 4 giorni per sognare, 4 giorni di passione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy