DNC, Quarti di Finale Play-Off – La preview, in esclusiva del Girone G

DNC, Quarti di Finale Play-Off – La preview, in esclusiva del Girone G

Commenta per primo!

Otto pretendenti, ma solo per una ci sarà la gloria della DNB. Partono nel weekend i playoff nel girone G di DNC: tre turni, giocati al meglio delle tre gare; è la serie di partite che valgono un’intera stagione. 

Il sipario si apre sabato sera a Vasto con l’interessante derby d’Abruzzo tra Bcc Valle Trigno e Bls Banca Lanciano. Nessun mistero aleggia su Vasto: partiva come favorita e ha confermato in campionato di essere tra le formazioni più attrezzate per il salto di categoria, dimostrando di saper giocare una delle migliori pallacanestro forse dell’intera DNC. A dispetto della nona posizione, l’ultima disponibile con cui sono stati conquistati i playoff, Lanciano in stagione regolare ha dimostrato di poter mettere in difficoltà le grandi: nell’ultimo confronto diretto, Vasto prevalse sul terreno amico, ma solo di un punto (75-74). 

Dopo essersi rivelata una delle sorprese di questo campionato, la Magic Team Benevento parte con il pronostico a favore anche nella serie contro la Farmacia Sardella Venafro. A questo punto è lecito pensare che la squadra di Sanfilippo possegga le armi per arrivare fino in fondo. Qualche problema potrebbe derivare dall’abbandono delle squadra da parte di Vittorio Porta, che comunque priva di un lungo da potenziali 10-12 punti a partita, la rotazione di coach Sanfilippo. Un’assenza che potrebbe e dovrebbe farsi sentire contro una squadra ben impostata sul piano fisico come Venafro.

Taranto e Airola fino all’ultimo si sono date battaglia per conquistare il fattore campo, che alla fine è andato al CUS Ionico. Per Fanelli e compagni, quella 2012-2013 è stata una stagione dal rendimento parecchio altalenante, ma dopo la crisi di Febbraio, il CUS Ionico sembra aver ritrovato un buono stato di forma nelle ultime giornate, e gli uomini per le missioni speciali – Fanelli e Sarli su tutti – non mancano. Non si poteva chiedere davvero di più invece ad Airola, che pur dovendo affrontare il campionato con un budget ridotto all’osso, non lesina invece mai sul cuore che la squadra ci mette nell’affrontare una stagione: un encomio speciale non può quindi che andare a coach Enzo Patrizio, per il grande lavoro svolto. Nei playoff, la Pallacanestro Città di Airola non è certo tra le più accreditate per la promozione, ma di certo non sarà facile per Taranto passare alla tendostruttura della città caudina. Per Airola, che deve fare i conti con una panchina molto, forse troppo corta, molto dipenderà dalle condizioni fisiche del lungo Loncarevic e dall’impatto che potrà avere la mano di Moccia dall’arco. 

Ultima serie playoff da analizzare è quella tra Maddaloni e Lotti Juvetrani. In vantaggio per il passaggio del turno è senz’altro la squadra campana allenata da Massimo Massaro, che ha chiuso il campionato al quarto posto in classifica. Per i pugliesi vale un po’ il discorso fatto per Airola riguardo la panca corta, un fattore che spesso in stagione regolare ha penalizzato nei finali di partita una squadra che pure presenta un quintetto competitivo. Per i calatini invece, i problemi potrebbero arrivare più nei successivi turni di playoff: il San Michele per un soffio ha mancato il terzo posto e lontano dal proprio parquet – rimasto inespugnato per tutto il campionato – non ha avuto lo stesso ruolino di marcia.

 

Infine uno sguardo anche ai playout, con l’unico turno al meglio delle tre gare in programma tra Delta Basket Salerno e Naurora Calzature Barletta. Per i campani di coach Menduto è un peccato non avere il vantaggio del campo, dove sono state mietute vittime eccellenti in campionato – Vasto e Maddaloni. Una ulteriore tegola per Salerno potrebbe giungere dalla squalifica del veterano Corvo, che ha rimediato una espulsione nell’ultima gara di stagione regolare contro Mola. Entrambe le candidate a restare in DNC hanno pagato la scelta, forzata da una disponibilità economica che evidentemente non c’era a inizio stagione, di allestire una squadra composta in prevalenza da giovani, con qualche senatore a far da chioccia. Una strategia comunque lodevole ed encomiabile che pagherà dividendi nel lungo periodo, a prescindere dall’epilogo in questa stagione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy