Considerazioni di un tifoso professionista, di Toni Cappellari – Olimpiadi, chi si giocherà una medaglia

Fare pronostici è sempre difficile, farli per il torneo olimpico ancora di più, ma le mie quattro semifinaliste sono USA, Australia, Lituania e Argentina.

Commenta per primo!

Fare pronostici è sempre difficile, farli per il torneo olimpico ancora di più, ma le mie quattro semifinaliste sono USA, Australia, Lituania e Argentina.

Coach K deve convivere con le sue stelle, che se continuano a giocare ognuna per conto suo qualche sorpresa la potranno avere, anzi subire. Carmelo Anthony, faro dei Knicks con uno stipendio da 25 milioni di dollari, e finalmente fuori dai suoi problemi personali , domina il campo. E quando fa 9 su 15 da tre punti sono dolori per tutti, anche se non c’è gioco nei fatti un gioco d’insieme.

Quanto all’Australia, tanto di cappello: in occasione degli ultimi Mondiali dissi che con la Nuova Zelanda furono una se non l’unica novità positiva, al netto di Stati Uniti fuori portata, un’Europa prevalente e un sudamerica in calo. Ma mai mi sarei aspettato un gioco così concreto e una difesa che non risparmia nessuno. Il reparto lunghi domina: con la nostra vecchia conoscenza virtussina David Andersen, il recente acquisto dei Dallas Mavericks Bogut fa il bello e il cattivo tempo nel pitturato, mentre Metthew DallaVedova inventa basket con l’aiuto del tiratore Bairstow.

Passando invece al girone B, parto dai baltici. Kanietis è il miglior play del torneo olimpico, davvero un gran colpo per l’Olimpia, e sono sicuro che inventerà basket nel nostro campionato. Del resto fa giocare i suoi compagni che è un piacere: imbocca alla perfezione i tre bambini Valanciunas, Sabonis e Kuzmisca (neanche 70 anni in tre), ma anche se i tre sono marcati, ci pensa la nostra vecchia conoscenza Maciulis da fuori.

“Dulcis in fundo” l’Argentina. Campazzo contro il Brasile ha fatto pentole e coperchi, giocato la partita della vita, ma quel che conta è sempre la vecchia guardia di Atene 2004, che tiene il campo con grande autorità. Ginobili (sempre più pelato), Scola, Nocioni e Delfino ( recuperato dagli ortopedici bolognesi e futuro protagonista del nostro campionato) forse non saranno più fisicamente al massimo, ma esperienza e tecnica permettono loro di dominare il campo, e se sono in serata di tiro sono problemi per tutti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy