Considerazioni di un tifoso professionista, di Toni Cappellari – Soffriamo in A e in Europa, che bel modello l’A2!

Considerazioni di un tifoso professionista, di Toni Cappellari – Soffriamo in A e in Europa, che bel modello l’A2!

Commenta per primo!

EUROPA, CHE CALVARIO! – Il trend non è mai stato dei più confortanti negli ultimi anni, ma mai avrei immaginato una settimana terribilis come l’ultima, per le nostre squadre in Europa. In Eurolega si chiude il girone d’andata, con Milano e Dinamo che collezionano la “bellezza” di una vittoria e nove sconfitte: per Sassari ancora un’occasione persa, l’Olimpia spera in un miracolo, anche se nel ritorno avrà ben tre trasferte da gestire. Nelle altre coppe poi, se poteva essere possibile, siamo andati anche peggio: Venezia, Trento, Reggio Emilia, Brindisi e Varese… tutte sconfitte, con l’unica eccezione di Cantù, riuscita a superare il modesto Kapfenberg.

…E QUALE FUTURO? – Euroleague Basketball ha risposto con i numeri alla FIBA, e sicuramente ha rafforzato il suo status. Nella riunione di Barcellona è stato sancito il matrimonio con IMG, la società americana con sedi a Londra e Barcellona ha messo sul tavolo una montagna di soldi, così tutte le bigs spagnole,russe,turche, greche e l’Olimpia hanno giurato fedeltà alla ULEB. Non dimentichiamoci poi del progetto di creare una NBA Europe con più incontri settimanali, una strada che forse potrebbe uccidere i campionati nazionali, riducendoli a contesa fra seconde e terze linee. E l’Italia, come si pone in questo stato fluido? L’unica a trarne un vero vantaggio sarà l’Olimpia Milano, che come le altre detentrici di Licenza A, ha scelto ULEB che gli ha dato una wild card, riconoscendo il palmarés di una delle società più vincenti in Europa, cosa che non ha fatto la FIBA, che per l’Italia ha invitato solo la squadra Campione Uscente.

IN NAZIONALE, INTANTO…: scelti i vice saranno Dalmonte, Fioretti e Consolini, a quanto ne so niente spazio per Vitucci, che spera di accasarsi nel prossimo futuro in una squadra di A1 o A2. In bocca al lupo, Frank!

A2, UNA GRANDE ESPERIENZA, MA QUELL’UNICA PROMOZIONE GRIDA VENDETTA – In settimana, per non farmi mancare nulla, sono stato a Brescia per assistere al match della Leonessa contro Verona. E non c’è nulla da fare, mi piace questa A2. Gli italiani giocano e contano, tra questi un piccolo appello a “Spongi” (mio caro, se vuoi fare il playmaker devi far giocare la squadra non tirare ogni volta che hai la palla in mano), in fondo però penso che Verona sia la squadra migliore del campionato. Peccato che la strada sia lunga, e che questa formula sia un autentico scandalo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy