Considerazioni di un tifoso professionista, di Toni Cappellari/Speciale Europei. Italia: puoi e devi crederci!

Considerazioni di un tifoso professionista, di Toni Cappellari/Speciale Europei. Italia: puoi e devi crederci!

Commenta per primo!

Pronti, via! No,no alt…sarà la foga, la tensione, la voglia. Devo trattenermi, per ora, ma ancora qualche giorno e  ci siamo: EuroBasket 2015 è alle porte, appassionati incalliti e non solo aspettano al varco questa Italia, una squadra che per il Presidente Petrucci (e non solo) pare destinata a volare alto. Ma cosa ci dice questa squadra, cammino di preparazione alla mano?

In realtà a Trieste, nell’ultima partita, abbiamo visto di tutto e di più : primo quarto superstar in attacco, con una quintetto che giocava a memoria, con tutti a dare il proprio contributo, poi il sonno – altrettanto comune-,  davanti a una “zonetta” anni cinquanta. Terzo e ultimo quarto sono stati invece 20′ a lezione da Gallinari. autore di movimenti d’attacco da filmare, accompagnando il tutto con difesa e rimbalzi… e per chiudere una panchina pronta e presente con Polonara super sia da 3 che da 4.

Non fermiamoci però all’ultima gara contro la Russia: ho visto tutte le partite di preparazione e devo dire che la squadra da Trento è maturata e cresciuta. Oggi ha una personalità che le permetterà un bel percorso, andiamo con ordine:

I LEADER. Senz’altro Belinelli, Gallinari e Datome. Il “Beli” può giocare ovunque, ed è a mio parere è il miglior play che abbiamo. Non rifiuta mai la palla,  è veloce, non parliamo poi del suo uno contro uno e del suo tiro. Il “Gallo”, dal canto suo, ha più voglia di giocare di chiunque altro nella truppa: sprizza energia da tutti i pori, e se non avrà problemi fisici potrà spaccare qualsiasi partita. Gigi invece è il capitano, l’anima di questa squadra: sia in campo che in spogliatoio. da lui mi aspetto molto nelle gare punto a punto.

GIOCATORI DA QUINTETTO. Partirei da Alessandro Gentile: in attacco sarà il fattore sorpresa, ha la faccia giusta, ma  soprattutto ha capito che le aspettative non devono essere un macigno. A seguire “Mago” Bargnani: sarà il nostro “5” stabile, in attacco si muove bene con il suo tiro che spacca, anche se francamente lo vorrei un po’ più attivo e presente sia in difesa sia a rimbalzo, considerando la batteria di cui disponiamo.  Capitolo Hackett: bene in difesa , mentre in attacco se tira come a Trieste gli perdoniamo tutti i palleggi insistiti di cui spesso si macchia. Chiuderei con Cinciarini e Cusin: sono i giocatori base per la posizione 1 e 5, e se loro ci saranno saremmo davvero completi in campo, e nulla ci sarà precluso.

PANCHINARI DI LUSSO. Dalle retrovie Melli ha sempre risposto presente:  il suo tiro da fuori e i suoi rimbalzi possono aiutarci, mentre Aradori contro le zone e quando la palla non entra sarà decisivo. Achi Polonara, con le sue prestazioni a Trieste, ha detto al CT che panchinaro non lo è , infine Della Valle: non so se partirà per Berlino ma io lo porterei, a maggior ragione dopo le partite con Georgia e Russia, è in fiducia.

COACH PIANIGIANI: Il suo lavoro è stato puntuale, ha portato la squadra carica al momento giusto , unico consiglio:  meno proteste…e lo dice uno che di proteste nella sua vita sportiva né ha fatte qualcuna.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy