EUROLEAGUE COUNTDOWN – Laboral Kutxa: i playoff sono un sogno irrealizzabile?

EUROLEAGUE COUNTDOWN – Laboral Kutxa: i playoff sono un sogno irrealizzabile?

Il Laboral Kutxa è una delle società più importanti della pallacanestro spagnola e, negli ultimi anni, è diventata una presenza quasi fissa nei gironi della regular season e delle Top 16 di Eurolega. Quest’anno la formazione guidata in panchina da coach Perasovic è stata inserita nel girone B insieme ad Olimpia Milano, Cedevita Zagabria, Anadolu Efes, Olimpiacos e Limoges.

ROSTER – Il roster della compagine basca è un buon mix di esperienza e gioventù, infatti, la presenza di veterani come Bourousis e Corbacho è bilanciata da quella di alcuni giovani talenti del panorama cestistico europeo come il 24enne georgiano con esperienza in NBA Tornike Shengelia, l’ex Avellino O.D Anosike ed il 25enne nazionale sloveno Jaka Blazic. Anosike e Bourousis molto probabilmente saranno i due centri che si alterneranno, ma non è da sottovalutare il ruolo di Darko Planinic, centro croato classe 1990 che, dopo le esperienze con Maccabi Tel Aviv e Cibona Zagabria, ambisce a ritagliarsi un ruolo in un club da Eurolega. Tra le ali spunta sicuramente il nome di Shengelia, ma occhio anche all’ex Scandone Avellino Adam Hanga. Per quanto riguarda gli esterni, è sicuramente Jaka Blazic ad essere il principale rappresentante di questo ruolo nel roster del Laboral Kutxa.

LA STAR – Il giocatore con il trascorso più importante all’interno del roster dei baschi è Ioannis Bourousis, centro che, dopo aver vinto tutto nella scorsa stagione con il Real Madrid, si rimette in gioco in una squadra di minor blasone come il Laboral Kutxa. Tra i suoi pari stazza europei Bourousis è uno dei giocatori più dotati tecnicamente e la sua esperienza gli conferirà un ruolo da leader all’interno del rettangolo di gioco.

L’ALLENATORE – Velimir Perasovic è alla seconda esperienza sulla panchina del Laboral Kutxa dopo quella del 2005-06 durante la quale ha vinto una Coppa del Rey ed una Supercoppa spagnola. A livello internazionale Perasovic vanta un Eurocup vinta con Valencia appena due stagioni fa, mentre a livello nazionale a vinto un po’ in tutte le leghe in cui ha allenato. Per quanto concerne la nazionale è reduce dal fallimento di Eurobasket che però di certo non può essere imputato solamente a lui.

PRONOSTICO – Il club di Vitoria si presenta a questa Eurolega con grande determinazione; l’obbiettivo minimo è quello di conservare un ruolo tra le prime 16 d’Europa, e, se possibile, provare ad inseguire qualcosa di più grande. La qualificazione alle Top 16 non dovrebbe essere un problema per gli uomini di coach Perasovic vista la superiorità abbastanza netta, almeno sulla carta, in confronto a formazioni come quelle di Limoges e Cedevita; per quanto riguarda il passaggio alla fase successiva, tuttavia, non crediamo che i baschi siano pronti ad un passo del genere nonostante l’ottimo roster allestito.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy