EUROLEAGUE COUNTDOWN – Stelmet Zielona Gora: la trappola del girone si trova in Polonia!

EUROLEAGUE COUNTDOWN – Stelmet Zielona Gora: la trappola del girone si trova in Polonia!

Lukasz Koszarek – www.przegladsportowy.pl

Se c’è una squadra che nella prossima stagione d’Eurolega reciterà il ruolo di Davide in mezzo ai giganti questa è lo Stelmet Zielona Gora, formazione polacca alla seconda partecipazione al massimo torneo continentale. Il team biancoverde, inserito nel girone C insieme a Barcellona, Panathinaikos, Karsiyaka, Zalgiris e Lokomotiv Kuban, proviene da un’ottima stagione coronata con il double coppa-campionato in Polonia, tuttavia nelle competizioni europee lo Stelmet non ha ancora brillato viste le eliminazioni precoci delle ultime annate. L’obbiettivo del club allenato da coach Filipovski è quello di raggiungere le top 16, traguardo che non viene tagliato da una squadra polacca dal 2010, quando l’Asseco Prokom Gdynia riuscì addirittura a disputare i playoff contro l’Olympiacos.

ROSTER:
Il settore guardie è anche quest’anno guidato dai due giocatori della nazionale polacca Lukasz Koszarek e Przemyslaw Zamojski, entrambi al loro terzo anno in maglia Stelmet. Il primo, trentunenne ex Juve Caserta, è un playmaker vecchio stampo dalle ottime doti di passatore; il secondo invece, classe 1986, è una guardia più fisica in grado di realizzare tanti punti grazie alla sua splendida meccanica di tiro oltre che marcare avversari più grossi di stazza. I nuovi innesti sono JR Reynolds e Dee Bost, classici esterni statunitensi con tanti punti nelle mani pronte ad esplodere sul parquet. Da annotare infine il nome del giovane (1996) Kamil Zywert.
Grande interesse suscitano le ali: i due membri del quintetto base saranno con ogni probabilità Mateusz Ponitka e Vlad Moldoveanu. Il primo ha solo 22 anni, ma sul campo ha già le caratteristiche del vero leader; nell’europeo da poco giunto al termine, Ponitka ha ricoperto il ruolo di ala piccola titolare con la nazionale polacca, dimostrando di essere un talento bidimensionale in grado di fare la differenza su entrambe le metà campo. Il secondo, rumeno 27enne, è una vecchia conoscenza di Treviso, ed è un’ala forte dalle straordinarie abilità offensive, in grado di allargare il campo con un tiro dalla media-lunga distanza di pregevole fattura. Dalla panchina sarà fondamentale l’apporto di Karol Gruszecki, 26enne quest’anno debuttante ad Eurobasket con la sua Polonia. Daranno una mano anche le giovani ali Marcel Ponitka, fratellino del già citato Mateusz, e Nemanja Djurisic, rookie montenegrino con degli ottimi spunti ancora da modellare proveniente dall’Università di Georgia.
Il settore lunghi è formato da tre vecchie volpi europee dalle eccellenti doti tecniche spalle a canestro, parliamo del serbo Dejan Borovnjak, 29enne ex Brindisi con un importante trascorso al Partizan di Belgrado, Szymon Szewczyk, veterano polacco con importanti esperienze a Venezia ed Avellino, ed Adam Hrycaniuk, 31enne alla sua terza stagione con lo Stelmet Zielona, tra i protagonisti della magica scalata del già citato Asseco Gdynia verso i playoff di Eurolega.

STELLA:
Con un gruppo così nuovo c’è ancora un po di confusione su chi possa essere la stella, nonché leader della formazione. Per quanto riguarda la fase realizzativa JR Reynolds rappresenterà con ogni probabilità il pericolo maggiore per le difese avversarie, ma colui che secondo noi potrà il vero trascinatore della squadra è il giovane Mateusz Ponitka. L’ala piccola titolare della nazionale polacca, 22 anni appena compiuti, è già un giocatore maturo, e di certo non soffrirà la pressione di prendere in mano le chiavi di un club di Eurolega. Nel suo passato il nativo Ostrow Wielkopolski ha trascinato la rappresentativa U17 della Polonia al secondo posto mondiale, ha debuttato a soli 19 anni con la nazionale maggiore, ed ha interpretato nelle ultime due stagioni il ruolo di giocatore chiave nei campionati vinti in Belgio con il Telenet Ostenda. In estate Ponitka non è riuscito a realizzare il suo sogno di essere draftato in NBA nonostante numerosi workout con diverse franchigie; ciò di certo rappresenterà un importante stimolo per colui che rappresenta il futuro della Polonia cestistica.

ALLENATORE:
L’allenatore del club campione di Polonia è l’ex guida della Virtus Roma Saso Filipovski. Il giovane tecnico sloveno (41 anni) si troverà per il secondo anno di fila sulla panchina biancoverde, e proverà a ripetere la gloriosa passata stagione con l’obbiettivo di ben figurare in Eurolega contro avversari di calibro importante. Filipovski è stato membro dello staff tecnico dell’Olimpija Lubiana sin da quando aveva 22 anni; dal 2003 al 2005 ha iniziato la sua avventura da head coach, disputando tra l’altro due stagioni in Eurolega, la prima terminata alle top 16, la seconda spezzata già al primo turno. Nel massimo torneo continentale lo sloveno ha collezionato nel corso della carriera altre 3 apparizioni, la prima con Roma, le altre due sempre con Lubiana, dal 2011 al 2013. Per Filipovski la prossima è un’occasione eccezionale per dimostrare al mondo le sue doti da coach.

PREVISIONE:
Pur considerando Zielona Gora una squadra ostica, difficile da battere specialmente in terreno polacco, non pensiamo che Szewczyk e compagni possano andare oltre il primo turno: Barcellona e Panathinaikos sono ovviamente di un altro livello, mentre a contendersi le altre due posizioni saranno con ogni probabilità Zalgiris Kaunas, Lokomotiv Kuban e Pinar Karsiyaka. Lo Stelmet rappresenterà la classica squadra senza nulla da perdere che scenderà in campo per guastare le feste degli avversari e, perché no, per far sognare i tifosi in un clamoroso passaggio tra le migliori 16 d’Europa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy