EUROLEAGUE COUNTDOWN – Zalgiris Kaunas: la rivelazione della stagione sarà lituana?

EUROLEAGUE COUNTDOWN – Zalgiris Kaunas: la rivelazione della stagione sarà lituana?

Commenta per primo!
15min.lt

In Lituania, si sa, la pallacanestro (anzi Krepsinis) equivale a quello che in Italia è il calcio, ovvero lo sport nazionale. La passione dei tifosi è sconfinata in una terra baltica dove ormai dal crollo dell’Unione Sovietica domina una sola squadra, lo Zalgiris Kaunas. Lo Zalgiris ha una grande storia alle sue spalle, con ben 16 titoli lituani conquistati e la gemma del successo in coppa nel 1999 a Monaco di Baviera battendo in finale la Virtus Bologna. Erano i tempi di Stombergas, Maskoliunas e dei due Zukauskas; oggi lo Zalgiris non può più lottare per il successo finale in Eurolega, specie dopo i problemi economici dovuti al crack della banca del vecchio presidente Romanov, ma è sempre lì a vendere cara la pelle con un gruppo di lituani e scommesse americane azzeccate. Sarà così anche quest’anno.

IL ROSTER:
Parlavamo, appunto, di americani; l’anno del trionfo di Monaco c’erano Tyus Edney ed Anthony Bowie, l’anno scorso un fantastico James Anderson, che ha condotto una stagione a ritmi altissimi, e due anni fa Justin Dentmon, che grazie all’annata lituana ha strappato un contrattone in Cina. Per la nuova stagione americani veri e propri non ci saranno a calcare il parquet della Zalgirio Arena, ma tutte le ‘fiches’ del team manager Motiejunas e di coach Krapikas sono state puntate su Oliver Hanlan, canadese di cui parleremo in seguito. Rimanendo in tema di stranieri è arrivata una vecchia conoscenza italiana, l’australiano Brock Motum, il quale dopo la stagione alla Virtus Bologna aveva deciso di tornare in patria ad Adelaide chiudendo l’anno ai 36ers con 17 punti e 7 rimbalzi di media in un campionato di certo non molto competitivo; Motum ha quindi firmato per lo Zalgiris dopo la Summer League con Utah, e garantirà forza fisica e solidità sotto canestro, dove avrà la compagnia del sempreverde Robertas Javtokas, ormai colonna portante della squadra (sarà il suo quinto anno a Kaunas) e della nazionale lituana, oltre che di uno dei colpi del mercato come Ian Vougioukas, trentenne greco a caccia di riscatto dopo una stagione non brillantissima tra il problematico Galatasaray e Ulm. Non ci sarà, invece, il giovane centro Arturas Gudaitis, che ha scelto di proseguire la sua carriera firmando un biennale con opzione per il terzo anno con i ‘nemici’ del Lietuvos Rytas, dopo essere stato chiamato alla numero 47 da Philadelphia all’ultimo draft. Arturas Milaknis, poi, ha preferito l’odore dei rubli di Kazan; lo Zalgiris ci ha messo un attimo a sostituire i due partenti piazzando due colpi importanti, rigorosamente lituani: si tratta del ritorno a casa dopo tre anni a Krasnodar di Mantas Kalnietis, che si è messo in luce all’Europeo dimostrandosi il cervello della sua nazionale e chiudendo a quasi 11 punti e 8 assist di media, e di quella che sembra una ripicca nei confronti del Lietuvos Rytas, ovvero la firma di Renaldas Seibutis, ex leader proprio della squadra di Vilnius, anch’egli protagonista agli Europei di Francia e la scorsa stagione in Turchia al Darussafaka. Ritorno alla base anche per Martynas Pocius, eccellente tiratore, ormai alla terza esperienza allo Zalgiris dopo due intermezzi al Real ed al Galatasaray. Tante (e importanti) le conferme: oltre a Javtokas, ci sarà ancora a guidare la squadra lo storico capitano Paulius Jankunas, ormai da dodici anni allo Zalgiris a parte una breve parentesi al Khimki, Lukas Lekavicius, Vytenis Lipkevicius, ed in più i giovani Ulanovas (vincitore dell’oro europeo u-16, u-18 e u-20 con la Lituania e quest’anno ad un passo dalla convocazione in nazionale maggiore), Vecvagars e Vene, che invece gli Europei li hanno disputati rispettivamente con Lettonia ed Estonia e con buoni risultati individuali.

LA STELLA:
Va bene il nucleo lituano, ma negli ultimi anni quando la palla pesava a prendersi tutte le responsabilità allo Zalgiris sono stati gli americani, e come poter obiettare visto che si trattava di gente del calibro di Anderson e Dentmon. Quest’anno ci sarà il canadese Oliver Hanlan, play-guardia uscito lo scorso anno da Boston College a 19.5 punti e 4.2 assist di media. Ottime capacità di ball handling, abilissimo nell’attaccare il pick & roll dal palleggio (se ne prevedono tanti con Javtokas, Vougioukas e Motum), non disdegna di buttarsi in area in penetrazione e può concludere sia arrivando al ferro che col palleggio arresto e tiro, movimento sempre più raro al giorno d’oggi. Last but not least, una delle tante armi di Hanlan è il tiro da tre punti, con una meccanica perfezionabile ma assolutamente buona ed efficace.

IL COACH:
Più che di coach, per quanto riguarda lo Zalgiris bisognerebbe parlare di coaching staff. Il capo allenatore sarà il riconfermato Gintaras Krapikas, che da giocatore era un’ala proprio dello Zalgiris e che ha in bacheca il bronzo di Barcellona ’92. Dopo una decina d’anni passati a fare l’assistente proprio a Kaunas, oppure a Kazan e con parentesi anche da capo al Nevezis o all’Azovmash, Krapikas si sta dimostrando la persona giusta per allenare la squadra, ed al suo fianco avrà ancora l’hall of famer Sarunas Jasikevicius, per quattro volte campione Eurolega e con un futuro assicurato da coach, oltre ad un altro mostro sacro della pallacanestro lituana e non solo, quel Darius Songaila che proprio quest’estate ha scelto di passare dal campo alla panchina.

PREVISIONE:
Nel girone C bisogna assolutamente lasciar perdere Barça e Pana che faranno corsa a sé, mentre lo Stelmet sembra la vittima sacrificale. Abbiamo così tre squadre che si contenderanno due biglietti disponibili per il viaggio alle Top 16: Zalgiris, Lokomotiv Kuban e Pinar Karsiyaka. Lo Zalgiris ha forse meno talento (e soldi) delle altre due, ma se Hanlan dovesse rivelarsi un crack alla Anderson, se la voglia di tornare a competere ad alti livelli di Vougioukas e Motum sarà grande e se i lituani dovessero avere ancora il fuoco dentro degli Europei, per Kaunas il passaggio del turno potrebbe essere realtà.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy