“GiveMe5”: Lighty ritorna ad essere un crack, Renfroe fa il tuttofare in Bundesliga

“GiveMe5”: Lighty ritorna ad essere un crack, Renfroe fa il tuttofare in Bundesliga

Adesso si fa sul serio, “win or go home”, come qualcuno dice dall’altra parte dell’oceano. Tempo di playoff in tutti i maggiori campionati europei: ProA e Bundesliga sono già un bel pezzo avanti grazie alla formula ridotta, in Turchia, Italia, Grecia e Israele adesso è tempo di semifinali, mentre in Liga Endesa domani si chiudono i quarti. Barcellona, Laboral Kutxa e Valencia hanno i favori del pronostico, se non altro perchè più abituate a giocare questo tipo di partite rispetto alle novizie sfidanti e per il beneficio del fattore campo, rilevantissimo alla Fuente San Luis e alla Fernando Buesa Arena dove farò molto, molto caldo. Ma, scopriamo chi sono i componenti del nostro quintetto ideale per questa settimana:

 

Fonte: Alex Renfroe (Fonte:www. court-division.de)PlaymakerALEX RENFROE (Brose Bamberg), che non sarà un playmaker da big europea, è vero, ma che sicuramente è uno degli interpreti più versatili e duttili nel ruolo. Aveva iniziato (e bene) la stagione in Spagna, tra le fila del Valladolid ma a febbraio ha rifatto i bagagli (causa la complessa situazione economica della formazione iberica) per volare in Baviera, accettando la proposta del Bamberg. Nelle semifinali di Beko Bundesliga, l’ex playmaker di Brindisi e KK Zagabria tra le altre, ne scrive 15 contro il Bayern Monaco, ma mette sul piatto anche 7 rimbalzi e 7 assist, guidando ai suoi al successo esterno contro Halperin, Troutman e soci e pareggiando la serie sull’1-1.

 

GuardiaDAVID LIGHTY (JSF Nanterre), a livello collegiale era un crack, passato l’anno scorso dal nostro campionato con la casacca di Cantù, tagliato dopo una manciata di partite da Trinchieri ed Arrigoni e prestato a Cremona, dove disputò un incoraggiante seconda parte di campionato, formando un’accoppiata spettacolare con Terrence Roderick. Quest’anno troviamo l’ex Ohio State in Francia, a Nanterre e tra un paio di giorni il buon David inizia a giocare le finali per il titolo transalpino. Intanto, nella semifinale di ritorno disputata contro Chalon, il 25enne da Cleveland ne mette a referto 27, impreziositi da 11 rimbalzi, per un 33 di valutazione finale.

Ala PiccolaVLADIMIR JANKOVIC (Panionios Atene), Atene festeggia la sua terza squadra approdata alle semifinali playoff del campionato ellenico, quel Panionios che è riuscito in gara 3 a sbarazzarsi dell’Aris Salonicco grazie anche alla prestazione monstre del suo numero 12. Per l’ex Mega Vizura prestazione da 18 punti, 11 rimbalzi e 2 assist, qualificazione in cassaforte e scontro alla finestra con il Pana.

Ala GrandeDERRICK BROWN (Lokomotiv Kuban), occhio alla formazione di Krasnodar, in questo scorcio finale di VTB League, squadra profonda e da prendere con le pinze, fresca vincitrice di ULEB Cup e vogliosa di chiudere la stagione al meglio, magari facendo lo sgambetto al Cska o al Khimki,laddove riesca a raggiungere la finale del torneo. Per adesso, ha iniziato le semifinali nel migliore dei modi, mettendosi sul 2 a 1 nei confronti dello Zalgiris Kaunas, riuscendo a strappare il foglio rosa in gara 2 in Lituania. Un grosso contributo l’ha ricevuto in quella occasione proprio dalla 25enne ala nativa di Oakland, uscito da Xavier e con all’attivo esperienze NBA tra Charlotte e New York. Fondamentale l’apporto in gara 2 del numero 5 dei ragazzi di coach Pashutin, autore di 28 punti (con uno strabiliante 11/13 da 2), in aggiunta a 7 rimbalzi e 6 assist. Fate pure 34 al conto della valutazione finale, scusateci…

CentroLAMONT HAMILTON (Uxue Bilbao Basket), una delle sorprese più liete di ACB in questa stagione, un gradino sotto gli straordinari Martin, Doellman e compagnia, ma comunque concreto, affidabile, solido. Bilbao sgambetta Barcellona in gara 2, pareggia la serie e prepara l’assalto al Palau per strappare il pass verso le semifinali. Una picconata importante che abbatte il muro blaugrana la dà anche l’ex Paris-Levallois, autore di 19 punti e 5 rimbalzi, garantendo la solita presenza nel pitturato. In Spagna si sussurra di un suo flirt con il Laboral Kutxa, formazione che potrebbe accogliere l’ex St. John nella prossima stagione, intanto il 29enne newyorkese sogna le semifinali con Bilbao; dovesse andar male pazienza, l’anno prossimo saranno ancora pintxos e un altro impagabile anno di sperimentazione della sensazionale cucina basca…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy