In-Basket/40 – Milano e Varese: alla ricerca della quiete, dopo la tempesta

In-Basket/40 – Milano e Varese: alla ricerca della quiete, dopo la tempesta

Commenta per primo!

La stagione è iniziata, e come sempre negli ultimi anni tutti aspettano l’Olimpia al varco del traguardo finale. Peccato però che le prime due gare abbiano tradito le attese, e i milanesi sono usciti sconfitti senza gloria sia da Brindisi, quindi addirittura crollati in quel di Istanbul. L’asse Banchi/Moss arrivata dalla plurivincente squadra senese però è sinonimo di garanzia, e nel derby  dello scorso week-end contro Varese si sono visti margini di miglioramento dal punto di vista mentale e di approccio alla gara. Nello specifico ci occuperemo di attacco, ma alla base della vittoria c’è un’ abnegazione difensiva vista raramente nelle stagioni passate: esempio lampante Keith Langford (attaccante sopraffino). che tiene difensivamente recuperando un paio di palloni nelle fasi cruciali della gara. Ma ora passiamo alla nostra lavagna e vediamo come coach Banchi a disegnato lo schema necessario a sfruttare le riconosciute capacità di attaccare dal post basso di Gentile e Moss.

Per chiudere il discorso sulla gara di Milano, si deve notare come la maggior attenzione e aggressività difensiva, amplificata dalla presenza di Moss, si sia poi rispecchiata nelle numerose azioni in transizione sfruttate dagli attaccanti di casa che hanno permesso di fare il break decisivo nel 4° quarto. Non solo note positive però, perché di pari passo è stato evidente il fatto che se non sviluppate in transizione, le giocate a difesa schierata sono segnate da soluzioni singole, soluzioni dove il p&r regna incontrastato bloccando di fatto qualsiasi sviluppo di gioco corale. Diamo però un occhio anche alla rinnovatissima (ma anche inceppata) Varese. L’estate ha portato ad una rifondazione che per adesso però non sembra aver giovato alla squadra dominante nella scorsa stagione: eppure c’è sempre una nota positiva in ogni cambiamento, e questa è data dalla fiducia concessa al giovane classe ’91 Polonara, bravissimo nel ricambiare le attenzioni di Frates  con performances di alto livello. Andiamo a vedere due esempi specifici che ci fanno render conto della completa fiducia concessa al ragazzo.

…attestato di fiducia che si vede anche in un azione di rimessa dal fondo allorquando…

È importante rilevare che queste due azioni si sono sviluppate nel momento in cui la squadra era in difficoltà, e aveva bisogno di una scossa cercata proprio dal giovane talento nostrano.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy