In-Basket/41 – Avellino-Roma, quando i lunghi fanno la differenza

In-Basket/41 – Avellino-Roma, quando i lunghi fanno la differenza

Commenta per primo!

Sfida interessante quella andata in scena nel posticipo di Lega A fra Avellino e Roma. La Scandone, da una parte, costruita per traguardi importanti, dall’altra la Virtus – forse, inaspettatamente competitiva sin da subito nonostante l’addio di Datome e Lawal – la partita ha avuto come protagonisti assoluti i lunghi di Avellino Will Thomas e Ivanov, che alla fine chiuderanno con 45 pti totali in due: saranno a dir poco inarrestabili durante la gara. Ragioniamo però su quel dato con la nostra lavagna, e vediamo come nelle battute finali sia stato proprio il contributo dei due lunghi di casa a garantire la vittoria finale.

Nel secondo caso andiamo a vedere come Roma sotto di 2 pti vada per il canestro del pari, giocandosi la carta del p&r centrale fra Taylor e Ignersky, ma cercando anche il cambio difensivo avversario. La partita nelle battute finali ha visto anche altri protagonisti come Cavaliero e Goss, che senza paura hanno realizzato canestri da 3pti vitali per le loro squadre, così come canestri nati da azioni di 1c1 e scarico per i tiratori liberi. Chiudiamo infine con un “bravo” generale. Brava la Scandone, che non ha perso la testa nel momento del recupero di Roma, e che trovato nella costante assistenza ai lunghi la chiave della vittoria, nonostante un Lakovic silenzioso ed un Dean alternante, ma brava anche Roma, che non ha mollato nel momento peggiore dell’ultimo quarto. In casa giallo-rossa c’è senz’altro da lavorare, specie sul fronte dei lunghi, troppo spesso in difficoltà, ma l’impressione positiva delle prime due giornate non può essere offuscata da una sconfitta contro un roster il cui obiettivo minimo è recitare un ruolo in post-season.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy