Legadue Playoff Review – Sorprese e brividi

Legadue Playoff Review – Sorprese e brividi

Commenta per primo!

Sono iniziati i playoff di Legadue che nelle prime due gare delle serie non hanno fatto mancare emozioni e spettacolo, anche se tutte le serie si sono indirizzate sul 2-0 regalandoci fin qui poco equilibrio.

Ma se in tre dei quattro confronti abbiamo assistito per ora a un 2-0 “ordinario”, con le squadre di casa brave a mantenere il fattore campo, ha davvero del clamoroso quanto sta accadendo a Barcellona, con la capolista del campionato clamorosamente sotto 0-2 contro la matricola Trento, capace nel suo anno da neopromossa di vincere la Coppa Italia, raggiungere i playoff e adesso ritrovarsi ad un passo dall’eliminare la favorita alla promozione in Serie A. Merito di un gruppo allenato benissimo da coach Buscaglia e che vede oltre a due ottimi americani sul perimetro due lunghi italiani che stanno letteralmente facendo impazzire le difese avversarie come Garri e Pascolo, ma anche di una predisposizione a castigare le big del campionato (basti pensare come fra campionato e Coppa la Bitumcalor sia al quarto successo in altrettanti incontri in casa di Barcellona, solitamente parquet quasi inespugnabile).

E così sono arrivate le due vittorie che aprono una clamorosa autostrada alla squadra di Buscaglia, anche se la serie è tutt’altro che chiusa e ci si attende una risposta dalla squadra di Perdichizzi che non dovrebbe comunque risentire troppo del fattore campo a sfavore, considerando anche che i bianconeri sono una delle squadre che risentono meno del fattore casa/trasferta nell’intera Legadue: di certo però riportare la serie in Sicilia sarà molto complicato, e ricordare i due precedenti stagionali in terra trentina entrambi vinti dai giallorossi non è probabilmente sufficiente per essere tranquilli nel riportare quantomeno la serie al PalaAlberti per gara5.

E così, mentre in Siciia è clamorosamente saltato il fattore campo per due gare consecutive, anche se molto diverse tra loro (dominio di Trento in gara1, incredibile altalena di emozioni in una gara2 decisasi solo dopo un overtime) non ha tradito le attese Pistoia, che si presentava alla post-season dopo una serie di scivoloni inattesi in trasferta ma anche con un record casalingo quasi immacolato (solo una sconfitta in stagione, proprio contro Barcellona): la serie con Scafati si presentava insidiosa, non solo per gli stati di forma opposti delle due squadre (con la squadra di Moretti in difficoltà nelle ultime settimane e Scafati riuscita ad acciuffare al fotofinish i playoff dopo un girone di ritorno infernale) ma anche per la voglia di rivalsa della Givova dopo la semifinale dell’anno scorso che premiò i toscani in gara5 dopo una serie intensissima; in realtà Hicks e compagni sono stati bravi a portarsi sul 2-0 ipotecando il passaggio del turno al termine di due partite anch’esse diverse tra loro: nel primo confronto della serie una fase offensiva praticamente perfetta e soprattutto un ultimo quarto da 35 punti realizzati ha consentito alla Tesi Group di guadagnare abbastanza facilmente il punto dell’1-0; in gara2 si è vista invece una Scafati più convinta, soprattutto in difesa, capace di tenere testa ai biancorossi per tutto il match e di rientrare a -1 nell’ultimo quarto con un’incredibile serie di triple, nonostante l’infortunio di Ghiacci inutilizzabile per tutto il secondo tempo; nel momento del bisogno però sono arrivate tre bombe preziosissime di Toppo, Hicks e Meini che hanno virtualmente chiuso il match regalando il bis a una Pistoia che scenderà adesso in Campania con la volontà di chiudere la serie in uno dei due matchpoint a propria disposizione per poter preparare le semifinali senza replicare la gara5 dello scorso anno.

Molto importante per la squadra di Moretti si sta rivelando l’innesto di Fajardo, autore di alcune giocate di pregevole fattura in entrambe le sfide e utile non solo per accrescere il livello di esperienza e qualità di una squadra che l’anno scorso pagò probabilmente le rotazioni troppo corte sul più bello, ma anche per consentire agli altri “vecchietti” Toppo e Galanda di poter riposare qualche minuto in più aumentando anche la qualità dei minuti in campo nel settore lunghi della Tesi Group.

Le altre due serie, sulla carta le più equilibrate anche vista la classifica finale della regular season si stanno invece rivelando per il momento piuttosto indirizzate: la Leonessa Brescia, nella serie tra le due sorprese del campionato, ha infatti liquidato le ambizioni di Forlì con 39 punti di scarto complessivo nelle prime due gare che non hanno quasi mai visto in partita la squadra dell’ex Dell’Agnello, artefice della promozione in Legadue della matricola lombarda e anche dell’ottimo campionato scorso conclusosi anch’esso con la qualificazione ai playoff; la Brescia versione 2012-2013 sta però ulteriormente stupendo, con uno starting file di livello assoluto per la categoria che non sta dando punti di riferimento agli avversari, in una serie che a questo punto assume ulteriore interesse viste le difficoltà di Barcellona, con i siciliani che dovessero essere eliminati lascerebbero spazio ad una smifinale con il fattore campo a favore per la vincente di questa serie, e quindi con possibile vista verso una clamorosa finale.

Infine è volata sul 2-0 anche Casale, che ha sfruttato il turno di riposo nell’ultima di regular season per preparare al meglio il primo turno contro Verona, che dopo un ottimo girone di ritorno ha un po’ vanificato il buon lavoro fatto con le sconfitte di Trieste e Forlì che hanno regalato alla squadra di Ramagli il difficile accoppiamento contro la Novipiu, in una serie che nei primi due episodi ha visto sempre sotto la Tezenis, incapace soprattutto in gara2 di trovare con continuità la via del canestro e adesso chiamata a mantenere due volte il fattore campo, in un PalaOlimpia dove comunque quest’anno sono passate in pochissime, per tornare a Casale a giocarsi la bella.

Appuntamento alla prossima, sperando che i playoff di Legadue continuino a regalare emozioni e spettacolo!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy