Legadue Review – Gli ultimi verdetti

Legadue Review – Gli ultimi verdetti

Commenta per primo!

Manca ormai una sola giornata al termine della regular season di Legadue, e se è vero che l’assenza di retrocessioni e i conseguenti casi di smobilitazione in molte squadre (che non hanno comunque impedito alle varie Imola e Trieste di togliersi diverse soddisfazioni) hanno reso questo campionato un po’ meno avvincente degli ultimi, lo è altrettanto che con l’arrivo dei playoff tutte queste considerazioni lasceranno spazio alla battaglia sul campo per la conquista dell’unica promozione in Serie A, e come al solito lo spettacolo e le emozioni non dovrebbero mancare.

La lotta al primo posto, importantissimo per il fattore campo nell’eventuale finale e che negli ultimi anni ha sempre definito la vincitrice del torneo regalerà emozioni fino all’ultimo respiro: con grande sofferenza infatti Pistoia è riuscita ad avere la meglio di una Capo D’Orlando coriacea e combattiva nonostante l’incredibile mole di assenze, e che alla fine si ritrova a mangiarsi le mani per aver mancato l’accesso alla post-season principalmente per l’inizio da incubo e per i tantissimi infortuni sopraggiunti sul più bello. La squadra del Poz ha comunque sfiorato il colpaccio al PalaFermi, contro una Tesi Group comprensibilmente un po’ in calo nelle ultime settimane dopo una stagione vissuta a cento all’ora, ma che in settimana ha aggiunto alle rotazioni il veterano Fajardo per aumentare quantità ed esperienza in vista dei playoff: quest’anno Pistoia fa sul serio.

La capolista resta comunque Barcellona, che regola abbastanza facilmente Brescia grazie ad un
attacco spumeggiante con sei uomini in doppia cifra e 102 punti segnati, la Sigma non ha ancora però la matematica certezza della leadership finale e per assicurarsela dovrà vincere una vera e propria battaglia come quella che si preannuncia domenica prossima al PalaMangano di Scafati, contro una Givova che rischia di rimanere clamorosamente fuori dai playoff.

La sconfitta di Casale a Trieste, per quanto abbastanza preoccupante in vista dei playoff, non ha risvolti in termini di classifica (con la Novipiu matematicamente al terzo posto) mentre la lotta al quarto posto finale con fattore campo nei quarti di finale è ancora aperta, con Brescia padrona del proprio destino e chiamata a sconfiggere Trento al PalaSanFilippo nel prossimo turno per garantirsi l’homecourt contro, presumibilmente, Verona o Forlì.

Proprio la Bitumcalor ha suggellato una splendida stagione da matricola con la matematica qualificazione ai playoff, vincendo una partita senza storia contro Forlì: un altro risultato importantissimo per la squadra di Buscaglia dopo la vittoria nelle Final Four di Coppa Italia, e adesso i bianconeri senza pressioni addosso potranno dare seriamente fastidio alle big del campionato, magari proprio a quella Pistoia che al PalaTrento è caduta due volte negli ultimi mesi …

L’ultimo verdetto da stabilire resta l’ottava qualificata alla post-season, con la Biancoblu Bologna padrona del suo destino e che in caso di vittoria contro una Ferentino senza più obiettivi di classifica (ma comunque capace di vittorie importanti nelle ultime settimane) si garantirebbe l’accesso alla post-season; in caso di colpaccio ospite potrebbe rientrare in corsa Scafati che dopo una stagione deludente ha l’opportunità di centrare l’ottavo posto (a condizione comunque di battere la capolista Barcellona, in piena lotta per la prima piazza); ma già il solo fatto di trovarsi in questa situazione all’ultima giornata rende la stagione della Givova un vero e proprio fallimento, considerando le ambizioni della vigilia e il roster di primo livello messo in piedi dalla dirigenza campana.

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy