Serie A2 Old Wild West – Il quintetto ideale della 15a giornata

Serie A2 Old Wild West – Il quintetto ideale della 15a giornata

Scopriamo i migliori giocatori dell’ultimo turno del girone di andata di serie A2 Old Wild West!

di Federico Di Domenico

Playmaker: SIMONE TOMASINI

Legnano sbanca Rieti con il punteggio di 72-91, grazie a uno strepitoso ultimo quarto chiuso con un eloquente 32-17 di parziale. Grande prova di squadra per i Knights, tra i quali spicca Simone Tomasini. Il play in uscita dalla panchina resta sul parquet 28 minuti e mette a referto 16 punti, 6 rimbalzi e 2 rimbalzi (di cui uno offensivo) tirando con altissime percentuali, 2/2 dall’area, 3/4 sia dall’arco che dalla lunetta. Freddo e decisivo nei momenti cruciali del match Tomasini regala a Legnano due punti fondamentali in chiave play-off.

Guardia: PHIL GREENE

La Tezenis Verona passa a Roseto con il punteggio di 86-87 al termine di una partita stupenda con un finale a dir poco rocambolesco. A deciderla è proprio Phil Greene, con un canestro a un paio di secondi dal termine che regala il definitivo 87-86 ai suoi. Non solo autore del canestro della vittoria, Greene è indubbiamente Mvp del match, 27 punti, 5 assist, 2 rimbalzi e 2 rubate, tirando con una percentuale superiore al 55% sia da due che da tre oltre al 100% dalla lunetta. Due punti che non bastano per le final eight ma che affermano Verona in piena zona post season.

Ala piccola: PAULIUS SOROKAS

Tortona batte Siena tra le mura amiche con il punteggio di 86-72 e stacca al volo un biglietto per le final eight di Bologna. Match senza storia già messo in ghiaccio dai padroni di casa all’intervallo lungo. Migliore in campo senza ombra di dubbio Sorokas, autore di una prova incredibile. Doppia doppia da 34 punti e 11 rimbalzi in 36 minuti in campo, tirando molto bene dal campo, 8/10 da due punti e 5/8 dalla linea dei 6.75m, 43 di valutazione finale, impressionante. Siena deve arrendersi ad un Sorokas formato All-star e si ritrova a due punti dalla zona rossa della classifica.

Ala grande: LEE ROBERTS

La Virtus Roma vince il derby Laziale con Latina (79-77 il finale) e abbandona il penultimo posto solitario. Vittoria importante per i giallorossi che permette alla squadra di coach Bianchi di guardare con più positività al girone di ritorno. Solita prova spaziale di Lee Roberts, per il lungo Statunitense 31 punti, 6 rimbalzi, 3 rubate e una stoppata con 7 falli subiti, dominante sia nella metà campo difensiva che in quella offensiva. 37 di valutazione, basta questo per descrivere la super prestazione di Roberts che regala una speranza alla Virtus.

Centro: GUGLIELMO CARUSO

Napoli perde 64-74 con Reggio Calabria e resta all’ultimo posto solitario ad Ovest al termine del girone di andata, ma è impossibile escludere Guglielmo Caruso dal quintetto ideale di qusta 15a giornata. Il lungo classe ’99 all’esordio assoluto nella serie cadetta sfodera una prova da 16 punti, 7 rimbalzi, 4 rubate e 2 stoppate, tirando con il 6/7 dal campo e il 4/6 dalla lunetta, il tutto in 25 minuti sul parquet. Prova impressionante per carisma e freddezza, doti che normalmente vengono meno ad un ragazzo di 18 anni che fa il suo esordio a questi livelli. 26 di valutazione alla prima apparizione in A2, il 7 gennaio 2018 sarà una data che Caruso non scorderà facilmente.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy