Serie A2 Old Wild West – Il quintetto ideale della diciannovesima giornata

Serie A2 Old Wild West – Il quintetto ideale della diciannovesima giornata

Andiamo a vedere chi sono stati i protagonisti del turno infrasettimanale di serie A2 Old Wild West.

di Federico Di Domenico

Playmaker: MARCO SPANGHERO (UDINE)
Serata indimenticabile per Udine che ferma la corsa della capolista Fortitudo Bologna, sempre più lanciata verso il ritorno nella massima serie. Il protagonista della serata tra le fila dei Friuliani è il play Marco Spanghero, autore di 16 punti, 7 rimbalzi, 6 assist e 3 palle recuperate. Fondamentale la sua presenza sia nella fase offensiva che in quella difensiva, prende per mano la sua squadra e la trascina alla conquista di una vittoria tanto prestigiosa quanto importante in ottica play-off.

Guardia: TIM BOWERS (IMOLA)
Impresa di Imoa che sbanca il parquet di Verona con il punteggio di 97-104, segnando ben 61 punti nei primi 20 minuti di gioco. Mvp l’eterno Tim Bowers, che chiude il match con una doppia doppia da 22 punti e 10 assist, ai quali aggiunge 2 rimbalzi, una stoppata e una palla rubata, per una valutazione complessiva di 38. Bowers riesce a mettere in ritmo i compagni con estrema facilità oltre a tirare con altissime percentuali (4/6 dall’arco, 3/4 da due punti e 4/4 dalla linea della carità).

Ala piccola: JALEN CANNON (AGRIGENTO)
Agrigento sbanca il parquet di Legnano con il punteggio di 71-74, e lo fa grazie a un’ottima prova del solito Jalen Cannon. L’ala Americana resta sul parquet per ben 36 minuti, nei quali segna 16 punti tirando con il 50% dall’arco e il 67% dall’area, raccoglie 6 rimbalzi e colleziona ben 6 palle recuperate. Apporto preziosissimo, soprattutto nella metà campo difensiva, per Cannon, che permette ad Agrigento di tornare a casa con due punti importantissimi per la classifica e per il morale.

Ala grande: LEONARDO TOTE (JESI)
Jesi conquista i due punti nel match casalingo contro la Bakery Piacenza grazie a una prova monumentale di Leonardo Totè, che mette a referto 21 punti, 13 rimbalzi (di cui 4 catturati in attacco), 2 stoppate, 5 assist e una palla rubata, tirando inoltre con il 2/2 dalla lunga distanza, per una valutazione complessiva di 37. Ottimo apporto in entrambe le metà campo per Totè, che si rende protagonista di una vittoria preziosissima per i suoi.

Centro: HENRY SIMS (VIRTUS ROMA)

Il derby capitolino tra Leonis e Virtus va alla Virtus, che riesce ad avere la meglio nella stracittadina con il punteggio di 73-94. Migliore il campo, come spesso accade nelle vittorie della squadra capitolina, Henry Sims. Il lungo Statunitense centra l’ennesima doppia doppia stagionale, chiudendo con 23 punti e 11 rimbalzi, 6 dei quali catturati in attacco, ai quali aggiunge una stoppata, un assist e una palla recuperata per una valutazione complessiva di 30.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy