Un italiano a Koper, Day 5 – Siamo tristi…ma felici

Un italiano a Koper, Day 5 – Siamo tristi…ma felici

Commenta per primo!

E’ lunedì e con l’inizio della settimana si chiude la prima fase dell’Europeo di Basket 2013 che si sta disputando in Slovenia. L’Italia alle 17,45 sfida la Svezia senza l’obbligo di vincere ma con la voglia di rimanere l’unica Nazionale imbattuta nel torneo.

La giornata è di quelle strane, bizzarre, visto che da stasera tutte le squadre si trasferiranno a Lubiana per la seconda fase, quindi la tristezza la fa da padrona.
Sta all’Italia chiudere in bellezza per i tifosi presenti alla Bonifika Arena e per dare un segnale forte a tutte le altre avversarie: coach Pianigiani lascia a riposo Travis Diener, reduce da un infortunio nel match con la Finlandia, e Marco Belinelli, alle prese con alcuni dolori alle ginocchia.

Dal riscaldamento si vede che alcuni giocatori vogliono cogliere quest’opportunità al massimo e ad avere altre chances nella seconda fase! Il quintetto è il solito, con l’unica novità rappresentata da Gentile al posto del leader Belinelli; l’Italia spinge subito sull’acceleratore e i soliti Cinciarini e Aradori portano gli azzurri sul +7 al primo mini-intervallo. Nel secondo quarto salgono in cattedra Melli e Gentile, ma Jerebko e Taylor non ci stanno e tengono la Svezia a galla, raggiungendo il +5 all’intervallo! Datome è gravato di 3 falli, ma parte subito in quintetto per provare a scuotere i suoi, ma sono ancora lo “squalo” Aradori e lo sfacciato Gentile a caricarsi gli Azzurri sulle spalle: l’arrivo in volata premia la squadra di coach Pianigiani che resta imbattuta e si concede qualche giorno di meritato riposo in vista della seconda fase di Lubiana.

Come detto prima, la competizione si sposta nella capitale slovena, dove le dodici squadre qualificate si giocheranno l’accesso ai quarti di finale, con l’Italia che parte prima nel suo gruppo grazie alle vittorie con Grecia e Finlandia, e che per assurdo potrebbe qualificarsi anche senza vincere nessuna partita. Ma questa Nazionale non deve assolutamente fare calcoli, bensì continuare a giocare senza porsi limiti e con la voglia e la grinta mostrati a Koper!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy