Basket Massafra: Sconfitta pesante per la classifica

Basket Massafra: Sconfitta pesante per la classifica

Commenta per primo!

Intanto dal campionato, a quattro match dal termine arrivano i primi verdetti: Palestrina matematicamente retrocessa; Agrigento idem; Trapani è ai playoff, Ruvo e Ostuni sono matematicamente salve, cosa piuttosto scontata dato che sono appaiate al secondo posto. Massafra, invece, ripiomba in zona retrocessione a causa delle vittorie di Potenza, Anagni e Rieti.

 Lenardon in giornata negativa, Cucinelli vittima di uno stiramento e Scarponi che nel giorno del suo compleanno, nonostante la tonsillite che l’ha colpito durante la settimana, riesce a sfoggiare una prestazione sufficiente. MVP del match invece è decisamente Ivan Riva che, con 14 punti, 5 falli subiti e 4 assist, decide la partita. Bene anche Ancellotti (8+8), Gullo (7+4 recuperate) e Fabi, che chiude con 11 punti.

Il match è comunque sempre stato equilibrato, con picchi di vantaggio di +6 ma nient’altro. Negli ultimi minuti sembrava che il match si potesse avviare verso una conclusione punto a punto, ma una gestione del finale rivedibile (Lenardon 0/2 in lunetta e palla persa in meno di 1 minuto) da parte della Cisa non lascia spazio a speranze. In questo campionato due soli punti sono fondamentali, soprattutto contro le dirette concorrenti. Inizio di match subito molto equilibrato, con Patti che guidata dai suoi lunghi Riva, Ancellotti e Sereni prova la fuga. Ma ad impedirglielo c’è un Massafra che vuole lottare con i denti, perché sa che questi due punti potrebbero cambiare la stagione. Dopo 6 minuti arriva il primo vantaggio ospite, con un tiro di Scarponi, che firma il suo quarto punto consecutivo. Patti riaggancia subito con il baby talento Augustin Fabi (solo 19 anni per lui). La seconda bomba di capitan Cucinelli regala alla Cisa il possesso pieno di vantaggio. Il periodo si chiude con la bomba dell’ex Daro Gullo, che firma il 18-14 a tabellone.

 Il secondo quarto inizia bene per Massafra, con i punti di Scarponi e Pelliccione. Ma a prendere sulle spalle i biancorossi è il solito capitano, Maurizio Cucinelli, che prima segna da due e poi da tre punti, impattando a 28. Il ’92 Bolletta segna 2 liberi, ai quali risponde Cigliani con altre due realizzazioni dalla linea della carità. Plumari la mette, poi ancora Cucinelli firma il massimo vantaggio del match, con il +6. Pelliccione mette la parola fine al primo tempo, mandando tutti negli spogliatoi sul 32-38.

Il terzo periodo comincia con un parziale di 7-0 per Patti. Scarponi rimette le cose a posto, quando Patti stava provando a tornare sopra. Poi Fabi e Quaglia firmano un 4-4 di parziale tutto loro, tenendo la gara in perfetto equilibrio. I punti di Lenardon mettono la parole fine al terzo quarto, che si chiude sul punteggio di 52-53.

Nel quarto e ultimo periodo di gioco, Gullo piazza una bomba per iniziare nel migliore dei modi. Ma Massafra non vuole assolutamente perderla e rimane aggrappata al match con 3 punti di Lenardon. Purtroppo la bomba di Davide Naso gela gli animi dei massafresi. Patti ha due possessi di vantaggio e sembra poter gestire con più tranquillità gli ultimi 2 minuti abbondanti. Massafra reagisce, firma un parziale di 5-0 e va sopra di uno. Manca un minuto e mezzo. A questo punto la Cisa si ferma: Sereni mette entrambi i liberi, Lenardon li sbaglia tutti e due. Ancora Giacomo Sereni colpisce per il +3, ed è ancora Lenardon che gestisce male la palla, perdendola stavolta. Arriva il canestro di Contaldo che a 50 secondi dalla fine chiude i conti. Gullo mette la parola fine con un tiro libero, e il tabellone dice 69-65. Una sconfitta che brucia, anche perché i ragazzi di Bernardi sembravano in grado di vincere questa partita importante. Invece non è stato così, e a spuntarla sono stati i biancoazzurri siciliani, che provano, disperatamente a salvarsi.

Questa sconfitta, in chiave classifica, ha il suo peso specifico. Si spera che inneschi voglia di riscatto nei giocatori massafresi che domenica prossima se la vedranno, davanti al pubblico amico, contro una Ferentino che sembra un treno in corsa, destinazione playoff. All’andata Massafra avviò la crisi dei ciociari, mentre oggi Carrizo e company hanno battuto Trapani e si giocano con Sant’Antimo l’accesso ai playoff. Per Massafra il calendario non è certo semplicissimo: dopo Ferentino si andrà a casa di un’altra squadra lanciatissima, la Publisys Potenza, guidata dal trio brillante degli ex Paparella – Di Viccaro – Chiarastella. La penultima sfida, in casa contro Rieti, sarà quella che all’80% deciderà il destino dei massafresi. I reatini sembrano essere i diretti concorrenti per il posto playout, e sono una squadra che in questo campionato ha fatto registrare strisce di 9 vittorie in 10 partite. E oggi è tornata a vincere. Sarà un vero e proprio spareggio. Poi all’ultima si andrà a Palestrina. Probabilmente in quel momento la sorte dei biancorossi sarà decisa. Questo finale di campionato sarà lo specchio di tutte le 25 giornate di regular season già giocate. Per accedere ai playout potrebbe bastare vincere 2 partite su 4 ma potrebbe anche non bastare vince 3 partite su 4. Insomma, quasi un terno a lotto.

 Ascom Patti – Cisa Massafra 69-65 (18-14, 14-24, 20-15, 17-12)

Patti: Riva 14, Gullo  T. 7, Ancellotti 8, Fabi 11, Sereni 10, Mori 8, Naso 5, Contaldo 4, Bolletta 2, Gullo A. n.e.

Massafra: Cigliani 7, Lenardon 6, Quaglia 11, Scarponi 14, Cucinelli 13, Plumari 6, Rossetti 2, Pelliccione 6, Cavallo n.e., Conforti n.e.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy