Louice Halvarsson è il nuovo centro BraccoGeas

Louice Halvarsson è il nuovo centro BraccoGeas

Halvarsson, centro di 190 cm, ha recentemente affrontato con la sua nazionale la selezione italiana di coach Ticchi (oggi vittoriosacontro la Serbia nella prima partita dell’Additional Round) in due sfide amichevoli, entrambe vinte dall’Italia (63-42 e 78-59). Per la giovane svedese 18 punti complessivi e una buona impressione destata agli occhi degli osservatori.L’acquisto di Halvarsson è un bel colpo messo a segno dalla società sestese: la pivot scandinava era infatti seguita da diversi club di primo livello del nostro campionato e non solo. Determinante è stata proprio la scelta della giocatrice: Louice ha voluto una squadra in ascesa, che sta entrando in punta di piedi nel lotto delle migliori squadre del campionato e che può garantire all’ex centro di Brno un minutaggio importante.Louice Halvarsson nasce a Södertälje il 15 gennaio 1989. Talento molto precoce, disputa in patria nel 2005/06 il suo primo campionato con la squadra del Telge, con cui vince subito il titolo. Dopo 4 stagioni (e 3 titoli) nel campionato svedese, in cui Halvarsson colleziona ottime medie, passa allo Spartak Mosca, squadra di primissimo livello internazionale. La sua esperienza in Russia, condizionata probabilmente dalla giovanissima età,finisce però a gennaio: il successivo passaggio allo Gdynia (Polonia) giova alla pivot svedese, che gioca un campionato e un’Eurolega di buon livello,portando a casa anche due titoli (campionato e coppa polacchi). Nel2010/11 Halvarsson cambia ancora, firmando per il Brno (RepubblicaCeca), altra squadra che disputa l’Eurolega: le sue medie crescononotevolmente, arrivando a toccare i 16.8 punti e 6.9 rimbalzi in campionato e i 9.1 e 4.7 rimbalzi in Eurolega.Ad esprimere tutta la soddisfazione della società per l’ingaggio della biondissima svedese, sicura “donna copertina” del prossimo campionato al merito sportivo anche per la sua bellezza, è coach Valter Montini: “Halvarsson è una giocatrice completa, giovane ma con un’esperienza già importante alle spalle. Persa Ujhelyi ci siamo subito posti il problema di sostituirla: Louiceè una giocatrice diversa da Petra, ma ha molta voglia di crescere e ha margini importanti. Può certamente far bene nel nostro campionato e disicuro al BraccoGeas troverà l’ambiente ideale per farlo. È una pivot moderna: agile, veloce, con buoni movimenti e buona mano. L’abbiamo vista recentemente con la sua nazionale contro l’Italia, nella doppia sfida ha ben impressionato quindi pensiamo di aver fatto una scelta giusta”.Sulla stessa linea il vicepresidente geassino Mauro Giorgi: “Siamo certi di aver fatto un ottimo colpo. Altre società nel nostro campionato hanno richiesto la ragazza, che ha preferito il Geas per il minutaggio che possiamo concederle e per il nome che ci siamo fatti nelle ultime stagioni.È una giocatrice già affermata ma che, vista la giovane età, ha ampi margini di crescita: è un centro agile, con buonissima mano, versatile,mobile e molto veloce. Pensiamo sia la giocatrice giusta per il nostro tipo di gioco, la stagione dirà se abbiamo avuto ragione”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy