Mantova, Morse a Radio 5.9: “La sconfitta con Cento fa male. A Montegranaro per vincere e andare ai playoff”

Mantova, Morse a Radio 5.9: “La sconfitta con Cento fa male. A Montegranaro per vincere e andare ai playoff”

A Speak & Roll ha parlato anche l’ex Lamarshall Corbett: “A Mantova stagione ok, peccato per l’eliminazione ai playoff. Domenica gara dura contro una squadra di talento”

di Alberto Carmone

Intervenuti ai microfoni di Web Radio 5.9 durante Speak & Roll, lla guardia della XL Extralight Montegranaro Lamarshall Corbett e il centro della Pompea Mantova Anthony Morse hanno presentato la sfida di domenica tra Montegranaro e Mantova.

Lamarshall Corbett (XL Extralight Montegranaro): “Con Piacenza è stata una gara davvero difficile, soprattutto nel primo tempo dove siamo partiti lenti. Sapevamo che sarebbe stata dura, loro hanno degli americani di grande talento. Siamo andati sotto di 18 punti, ma il coach ci ha detto di rimanere concentrati e siamo riusciti a vincere con una bella rimonta nel finale. Non ci siamo lasciati prendere dal nervosismo nel momento più delicato dell’incontro, abbiamo dato tutto sia io che i miei compagni di squadra.

Per me questa è la stagione della mia carriera. Sto bene, ho migliorato la mia lettura di gioco mantenendo la massima concentrazione in ogni allenamento. La mia idea è quella di dare il massimo in ogni momento per cercare di migliorarmi.

Per Montegranaro è stata finora una stagione molto entusiasmante, ma dobbiamo continuare così. Dobbiamo rimanere uniti e continuare a rimanere concentrati per continuare a rendere sempre migliore questa stagione.

Sia con coach Ceccarelli che con Pancotto mi sono trovato davvero bene. Ceccarelli è un allenatore giovane e di grande prospettiva che è capace di trasmettere tanta grinta a tutta la squadra. Pancotto è capace di mantenere la calma anche quando si perde, ha grande esperienza. Sono stato fortunato ad essere allenato da questi due allenatori con cui ho un bellissimo rapporto.

Bologna ha meritato la promozione in Serie A, lo dico senza ipocrisie. Hanno una grande organizzazione e una grande squadra ed è stato per me un onore batterli in casa per la prima volta in mia carriera.

Mi aspetto dei playoff piuttosto duri, ma noi dobbiamo continuare a giocare bene a livello mentale. Dobbiamo giocare in modo duro e intelligente con la giusta energia e sono sicuro che ci toglieremo tante soddisfazioni.

Con Mantova ho vissuto una stagione positiva, in cui purtroppo ci siamo fermati troppo presto ai playoff. Ho lasciato tanti amici e ho tuttora diversi amici a Mantova, sarei contento se andasse ai playoff. Lo merita l’ambiente e la squadra che sta disputando un campionato molto buono. Domenica mi aspetto una partita molto fisica e intensa. Mantova verrà con la necessità di vincere quindi metterà tanta energia. Noi dovremo essere bravi a mantenere la concentrazione ed essere pronti ad una vera battaglia”.

Anthony Morse (Pompea Mantova):  “Cento è arrivata alla partita più preparata e con più motivazioni per vincere. Noi abbiamo giocato in modo troppo individuale e siamo stati uniti. Abbiamo provato a cambiare ritmo nel terzo quarto ma non è bastato. Abbiamo sottovalutato Cento, abbiamo approcciato la partita in modo troppo leggero pensando che mollassero facilmente la presa.

Il mio ginocchio ha solo bisogno di riposo. Non devo sforzarlo, tornerò al massimo in pochi giorni, non salterò nessuna partita.

Finora credo di star disputando una buona stagione. Sto raggiungendo quei risultati che mi ero posto ad inizio anno affermandomi con la mia squadra e singolarmente. Le mie capacità a rimbalzo? E’ un mix di abilità di senso della posizione e di talento fisico. E’ fondamentale anticipare l’avversario leggendo bene la traiettoria della palla. Rispetto ad inizio anno mi trovo più a mio agio in questo tipo di difesa. Ho cominciato la stagione giocando in modo troppo statico, credo che questo stile di gioco più dinamico esalti di più le mie caratteristiche. Questo ha aiutato anche la mia consapevolezza, ora so di poter dare tanto in entrambe le metà campo.

Rumors sul mio passaggio a Reggio Emilia e Avellino? Non ci ho mai pensato, per me c’è sempre stata in mente l’idea di finire quello che ho iniziato con gli Stings e conquistare i playoff. Qui mi trovo bene con la città e con le persone.

A Montegranaro ci presenteremo col solo obiettivo di vincere. E’ una squadra molto forte e con tanto talento negli americani e nel gruppo di italiani. Dovremo giocare compatti e con la giusta mentalità e se ci riusciremo potremmo toglierci diverse soddisfazioni”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy