Omegna sorride, il match con Torino è suo!

Omegna sorride, il match con Torino è suo!

Commenta per primo!

“Tutti in piedi per Omegna”. E’ questo il coro che i tifosi rossoverdi hanno regalato ai giocatori della Paffoni a fine partita. Si perché la squadra di Zanchi vince contro l’insidiosa Torino e cancella la sconfitta di misura patita a Perugia la scorsa settimana. Una partita riaperta pericolosamente nel terzo quarto dopo che i rossoverdi hanno mostrato nei primi due tempini una pallacanestro sontuosa, fatta di corsa, difesa asfissiante e grande performance in attacco. Un match giocato senza Saccaggi, fermo in panchina perché non in perfette condizioni, con un Carra (partita di grande livello per lui) che lamentava un problema ad un piede e con Picazio in campo ma sempre alle prese coi problemi alla schiena. Quanto Torino spinta da un Masper di livello è tornata sotto la Paffoni è stata brava a reagire ed a trovare i punti decisivi limitando gli attacchi di Torino con la solita difesa ‘importante’. La partita inizia subito con Marcante che sblocca (grande partita di quantità e qualità per l’ex Pavia), poi Rossi, Carra e ancora Rossi stampano un bel 9-0. Torino con Tassinari, Giadini e Conti colpisce da 3 perché non riesce a scardinare la roccaforte fulgorina e si riavvicina (15-13). La Paffoni allora risponde con la stessa arma, prima Leo Zaccariello, poi Ammannato e Picazio riallungano prima di una tripla di Carra che chiude il primo tempino (25-17). Si ricomincia con una bomba da tre di Picazio, poi ancora Carra, Rossi, Picazio. E’ una Paffoni tutta difesa e attacco che vola via (33-19). Qui iniziano alcuni minuti di delirio agonistico per Marco Carra che trova due triple e fa 39-22. Parente cerca di riavvicinare le sorti del match e trova i punti del 41-29 ma Carra continua nella sua extasi cestistica e fa 44-29. Tre triple di fila senza toccare un ferro. Il primo tempo finisce 48-31 con un pubblico in visibilio. Nel terzo quarto cambia la partita. La Paffoni segna solo 5 punti. Torino gioca in scioltezza e trascinata da Masper e Parente riapre i giochi col finale di terzo quarto fissato sul 53-46. Match riaperto e ultimo quarto di fuoco. 4 punti di Masper fanno 53-50, il PalaBattisti trema. Segna Picazio e Marcante trova un gioco da tre ma Giadini e Tassinari non mollano. Carra, Ferraro, Marcante e Zaccariello con una tripla riallungano. Non serve il tiro da tre di Cotani nel finale. La Paffoni vince e piace. Tabellone finale sul 74-63. Ora Piacenza, sabato prossimo. L’Associazione Kenzio Bellotti organizza un pullman per seguire il match. Per info BAG (348/5625129). Il primo a presentarsi in sala stampa e coach Zanchi: “Bene, bella vittoria. Un successo che abbiamo ottenuto contro una formazione che non perde da 4 partite, contro una squadra che ha trovato punti anche contro squadre di livello e che è una formazione di livello, magari un po’ su d’età ma che se la lasci giocare ti nasconde la palla. Noi siamo stati bravi in difesa giocando forte nei primi due quarti e trovando sempre il canestro, poi era difficile tenere quel ritmo per 40 minuti ma anche quando siamo stati in difficoltà abbiamo capito che era il momento di rilanciarci e reagire. Lo abbiamo fatto ed abbiamo vinto una partita difficile che ci consente di continuare”. Tutti ora si accorgono della Paffoni, anche la critica: “In settimana mi hanno telefonato molti – continua Zanchi – che si stanno accorgendo di noi. Peccato che siano arrivati in ritardo. Abbiamo vinto tanto e per tante volte fuori casa. Lo dicevamo ad inizio anno che questa squadra ci avrebbe fatto divertire e cosi è, insomma è difficile non affezionarsi a questi ragazzi”. Tocca poi a Fabio Marcante, protagonista in campo: “Era da molto che volevo giocare un match così – dice – praticamente da quando sono qui. Bella partita e bella vittoria, voglio sottolineare il bellissimo ambiente che c’era. In campo gli incitamenti si sentono e credetemi..servono”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy