Palestrina colpaccio a Rieti, il Palasojourner cada ancora

Palestrina colpaccio a Rieti, il Palasojourner cada ancora

Rieti ha denotato tutti i suoi limiti strutturali,senza un vero play per dare il cambio al non più giovane Virgilio, e ha pagato a carissimo prezzo l’assenza sotto i tabelloni del Capitano e unico centro vero della squadra, Davide Zambon, fermato da una distrazione muscolare durante il prepartita e sostituito prontamente da Marsili che si era tranquillamente accomodato in tribuna per guardarsi la partita. Lestini e Antrops, pur avendo giocato una buona partita non sono dei centri puri, quindi è decisamente mancato il gioco sotto i tabelloni, ricorrendo invece molto al tiro dalla lunga distanza e alle invenzioni personali.E’ mancato il gioco di squadra a questa Sebastiani,hanno giocato un po tutti per fatti propri e per le proprie statistiche, è mancata la difesa e i prenestini ne hanno approfittato mettendo a segno ben 90 punti, con il suo centro Capitanelli che ha raccolto 17 carambole.
Già dai primi minuti si era capito che non sarebbe stata una serata facile per i padroni di casa, con i prenestini che volano presto sul 10-4, le bombe di Antrops (2) e Lestini portano Rieti in vantaggio 13-10, ma è un fuoco di paglia, la molle difesa reatina lascia ampio spazio sotto i tabelloni all’ex Spippoli e Capitanell, Palestrina vola in vantaggio sul 16-21,prima che Lestini con una bomba a fil di sirena chiuda il 1°Q con Palestrina in vantaggio 19-21. Rieti si affida molto ai personalismi e alle triple,ma lascia molto spazio in difesa,specie sotto i tabelloni dove Lestini e Antrops sono difensori tutt’altro che arcgni, Palestrina gioca di squadra e fa girare molto bene la palla arrivando a conclusioni facili.
Il 2°Q inizia sulla falsariga del primo, Rieti segna da fuori con Virgilio e Tessitore e Palestrina risponde da sotto, mentre entra in scena anche Rossi, con Capitanelli l’altro grande protagonista del match. Segna subito 5 punti poi Di salvatore dall’arco sigla il 26-31 per Palestrina. Marsili è l’unico reatino che può giocare da centro, ma viene impiegato poco, combatte e realizza il suo 1° canestro per il 28-31, per Palestrina entra l’ottimo Omoregie, che con grande energia controbatte i tentativi di rimonta reatini e realizza 6 punti, Capitanelli fa la voce grossa sotto i tabelloni e Di Salvatore mette la bomba per il massimo vantaggio ospite sul 32-42. Il pubblico comincia amugugnare, Rieti è molle in difesa e confusionaria in attacco,Crotti si gioca la carta Anselmi chiamato a gran voce dal pubblico e il giovanotto romano si mette subito in luce con una sospensione e una tripla per il 37-42, ci sonon anche rimbalzi e recuperi che rincuorano il pubblico,ma è proprio Anselmi che perde la palla capitalizzata in contropiede da Ricciardi per il 37-44 che chiude il 2° quarto mandando le 2 squadre negli spogliatoi.
Palestrina dimostra di non meritare l’ultimo posto, riesce sempre a mantenersi in costante vantaggio nel 3°Q, soprattutto grazie a Ricciardi e Rossi,per Rieti ottimo momento offensivo di Lestini, che commette qualche sciocchezza ma mette a segno anche bei punti, Palestrina non molla nulla ma il giocatore proveniente da Forlì è ispirato e con 7 punti riporta in parità Rieti sul 52 al 25°, si comincia a vedere un po di difesa in casa Sebastiani, sembra il momento della svolta ma cosi non è, si va avanti a strappi e al 29° è ancora parità sul 59-59 con un 1/2 dalla lunetta di Antrops. Va a referto anche Sperduto che con 5 punti consecutivi manda Palestrina in vantaggio all’ultimo riposo sul 61-64.
Il 4Q è simile agli altri Rieti è sempre farraginosa in attacco e non difende molto bene lasciando spazi per le conclusioni di Di Salvatore Ricciardi e Rossi a cui tenta di controbattere il lettone Antrops, che per quanto sia molto permissivo in difesa è decisivo in attacco con conclusioni da 3 e da sotto che permettono a Rieti di restare in partita. Il lettone firma la tripla del -4 al 35° sul 70-74, ma Palestrina è sempre sul pezzo,sfrutta molto il pitturato con Capitanelli e Sperduto, e a 1′ dal termine Ricciardi segna i 2 liberi per il 75-84 che sembrano chiudere la contesa, ma il basket non è il calcio dove ti metti a palleggiare e aspetti che l’arbitro fischi la fine,la partita si gioca fino all’ultimo secondo, Antrop non ci sta e realizza velocemente il 77-84, molti spettatori cominciano a lasciare gli spalti del PalaSojourner, ma è un errore,la partita non è finita e il fallo sistematico produce effetti, con Rossi e Ricciardi che fanno 3/6 dalla lunetta,mentre per Rieti Anselmi produce un sanguinoso 0/2 e un mai domo Antrops schiaccia con rabbia nella retina il canestro del 81-87. Mancano pochi secondi alla fine e c’è un incredibile errore sulla rimessa per Palestrina  con Antrops che castiga subito da 3 per il -3. Ancora Rossi a 15″ dal termine stavolta non fallisce dalla lunetta ,ma Antrops è un leone ferito e mette ancora la tripla del -2 a pochi secondi da termine. Fallo istantaneo su Di Salvatore che sbaglia il 1° e mette il 2°, Dri vola in attacco in pochi secondi,Palestrina non fa fallo e il giovane friulano ha in canna il colpo del pareggio,ma non va, l’urlo si strozza in gola ai tifosi reatini, e Palestrina con i suoi pochi tifosi giunti a Rieti festeggia una meritata vittoria in una partita comunque brutta,nonostante il finale al cardipalma, ma che Palestrina ha meritato di vincere per la grande abnegazione e lo spirito di squadra messo in mostra, prorio quello che è mancato alla squadra padrone di casa,dotata sicuramente di più talento individuale ma con un quasi nullo gioco di squadra e una scarsa attitudine difensiva, se vorrà salvarsi dovrà trovare spirito di squadra e unità d’intenti,sennò sarà una cosa davvero molto difficile,soprattutto se tutti continueranno a giocare curando più che altro le proprie statistiche che non il risultato di squadra.

 

Ircop Rieti – Itop Palestrina 87-90 (19-21, 18-23, 24-20, 26-26)

Sebastiani Ircop Rieti : Antrops 29p (6/13 da 3) 10r 33v – Virgilio 9p 10r 6a – Lestini 16 (4/6 da 3) 3r 4pp – Becerra 11 (4/13) – Dri 7p – Tessitore 7p 3r – Anselmi 6p 4r 2pr – Marsili 2p 5r – Delle Cave – Rambaldi ne

Itop Palestrina : Ricciardi 16p (6/18) 5r 10fs 3a 16v – Di Salvatore 18p 6r – Capitanelli 13p (6/9) 17r 35v – Rossi 22p (3/8 da 3) 19v – Spippoli 6p 4r 1 st – Sperduto 7p- Omoregie 8p 3r – Rischia – Molinari ne – Brenda ne

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy