Serie B. Rimini contro il CUS Torino per inseguire il sogno playoff

Serie B. Rimini contro il CUS Torino per inseguire il sogno playoff

Dopo aver superato in volata i tre quarti di stagione regolare ed agganciato la teorica quota playoff non è ancora tempo di bilanci, ma è il caso di guardare cosa aspetta ad NTS CRABS fino alla fine.

Commenta per primo!

Dopo aver superato in volata i tre quarti di stagione regolare ed agganciato la teorica quota playoff non è ancora tempo di bilanci, ma è il caso di guardare cosa aspetta ad NTS CRABS fino alla fine ed anche cosa aspetta alle altre pretendenti intenzionate ad allungare la stagione, per mettersi il cuore in pace o alimentare speranze.

Trascurando Forlì già qualificata anche se le perdesse tutte e Piacenza che è lì ad una incollatura mi sentirei di dare per qualificate anche Cecina e più ancora Cento che proprio questa settimana si è rinforzata ulteriormente portando via Luca Bedetti da Sant’Arcangelo. Al momento si stima che ci siano ancora in lizza otto squadre per quattro posti utili a partire da Valsesia che deve ancora giocare la 23ma fino ad Oleggio che alimenta legittime speranze dopo aver battuto Piombino. Rimini è lì nel mezzo e padrona del suo destino perché, se saprà far bene, potendo contare su 5 scontri diretti in chiave playoff oltre alle trasferte “testacoda” di Unieuro Forlì (che incrocerà altre quattro delle otto pretendenti) e CUS Torino di sabato 27/02 ore 20:30.

CUS Torino appunto non si presenta certo come ostacolo insormontabile, è una fucina di giovani atleti che si sono avvicendati sulla sua panchina nel corso del torneo con una vorticosa rotazione di ben 18 atleti senza sortire alcun effetto visto che ha vinto solo due volte di cui una a tavolino.

Dalle cifre di squadra, nelle 23 gare disputate CUS Torino ha ottenuto 56 punti di media, tirando col 40% da 2 punti e con il 30% da 3. Realizza il 70% ai liberi catturando 26,6 rimbalzi strappandone 7,1 in attacco. Il saldo perse/recuperate è di 15,3/7 con 9,6 assist serviti.

La loro statistica dice che i loro migliori terminali offensivi: Maino, Chiotti e Dello Iacovo non compaiono nelle ultime uscite, quindi potrebbero essere Panzieri (9,1 punti+7,8 rimbalzi); Di Matteo (7,5 punti+2,4 rimbalzi) e Orsini (7,1 punti+2,4 rimbalzi) quelli che daranno più pensieri; davvero complicato capire chi metterà in campo il coach Arioli che può pescare nel mazzo, fare pretattica e sfruttare il fattore sorpresa.

Da parte NTS CRABS si registrano 75,4 punti di media (subendone 74,3), tirando col 51% da 2 punti e con il 34% da 3. I biancorossi realizzano il 76% ai liberi catturando 35 rimbalzi di cui 8,2 in attacco mentre il saldo perse/recuperate è di 14,3/5,4 con 13,6 assist serviti. Foiera, Romano, Panzini e Perez viaggiano in doppia cifra con Chiera lì vicino a 9,8. Leggermente distanziati ma sostanziosi: Sirakov (8,5), Tassinari (8) e Crotta (6,9). La buona distribuzione dei rimbalzi, che coinvolge anche i “piccoli” conferma l’elevato equilibrio della rotazione di otto atleti che Bernardi impiega stabilmente.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy