Cantù: 4 nomi in corsa per il ruolo di GM

Cantù: 4 nomi in corsa per il ruolo di GM

Commenta per primo!

Sono ore febbrili in casa canturina, dove si susseguono le voci più disparate riguardo a uno dei tasselli più importanti della nuova squadra, ovvero al nome del successore, nel ruolo di General Manager, di Bruno Arrigoni, il quale lascia la società di Via Volta dopo 21 anni di collaborazione.

Il nome più eclatante, uscito nelle ultime ore, è quello di Maurizio Gherardini, attualmente ancora vicepresidente dei Toronto Raptors, ma il cui rapporto con la squadra canadese pare avviato alla conclusione. Ebbene, un contatto informale con la presidentessa Cremascoli pare esserci stato negli scorsi giorni, lo testimonia anche la presenza di Gherardini, che piace anche a Milano e alle spagnole, al Pianella per gara 3 delle semifinali con Roma. Sembra però che l’ex gm della Benetton Treviso abbia chiesto tempo per valutare se e come si concluderà il suo rapporto con i Raptors.

Un’altra pista seguita febbrilmente sembra essere quella che porta al nome di John Ebeling, ex giocatore anche della stessa Cantù negli anni ’90, che viene da esperienze importanti soprattutto a Pesaro e Ferrara. Il nome piace molto soprattutto se la scelta della società brianzola dovesse essere, come sembra, quella di utilizzare la formula dei 5 italiani + 5 extra, che lascerebbe al nuovo gm ampia libertà di scelta nel mercato americano. Tramontata l’ipotesi Alberani, con cui c’era stato più di un contatto nelle scorse settimane, si è sondata anche la possibilità di riportare in biancoblù Simone Giofrè, che ha fatto così bene quest’anno a Varese ma che attende di conoscere le scelte societarie dei biancorossi prima di prendere una decisione sul suo futuro.

Altra alternativa è quella interna, ovvero di affidare l’incarico di gm a Daniele Della Fiori, attuale team manager della squadra, magari affiancato a una figura di esperienza che potrebbe essere quella di Charlie Recalcati che andrebbe a ricoprire il ruolo di viceallenatore e assistente general manager. In ottica spending review, e di contenimento del budget, c’è anche da considerare l’ultima possibilità, ovvero che il ruolo di gm possa essere occupato dall’head coach, come ad esempio ottimamente fatto da Pino Sacripanti negli ultimi anni a Caserta.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy