Cantù: caccia al play, il nome caldo è Bulleri

Cantù: caccia al play, il nome caldo è Bulleri

Non è Giachetti, non è Vitali, non è Basile… Tutti nomi circolati in queste ore a Cantù, ma forse il playmaker della Bennet sarà Massimo Bulleri. Non sarà facile strappare il capitano alla Benetton, considerando anche l’arrivo di Djordjevic che ha confermato il valore in campo e fuori del play da Cecina “Quando l’ho avuto come giocatore mi piaceva, a Milano gli davo responsabilità, ora lo vedo benissimo nel suo ruolo di capitano“. I due hanno quindi già lavorato insieme all’Olimpia Milano e siamo sicuri che il coach non lo lascerà partire tanto facilmente, ma la pazza idea di Arrigoni e soci è di una certa importanza. Pare assodato l’arrivo in maglia canturina di David Lighty, una guardia-ala non adatta al ruolo di playmaker che rimarrebbe appunto scoperto, ed ecco che bisogna guardare al mercato nostrano per trovare quel regista che dirigerà la Bennet sia in campionato ma anche in Eurolega: un giocatore di esperienza, magari con qualche apparizione a livello internazionale, ma sempre in abito italiano. Con Giachetti ad un passo da Milano, l’altro nome che circola è quello di Di Bella: dopo la fine del campionato sono rimbalzate le dichiarazioni del giocatore casertano in merito ad un suo possibile addio, mirando ad un club con obiettivi più elevati e perché non Cantù (la vera antagonista di Siena quest’anno). Il contratto del giocatore non prevede nè una clausola rescissoria né un buy-out quindi ogni offerta che sarà presentata dovrà essere vagliata dalla società campana e pare che l’offerta della Sutor sia già stata rifiutata. Due piste difficili quindi, ma comunque stuzzicanti e se quel “genio” di Arrigoni troverà il modo di portare uno dei due nella città lombarda di sicuro non ci penserà su due volte…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy