Diana-Brescia, è addio. Alla Germani si chiude un’era

Diana-Brescia, è addio. Alla Germani si chiude un’era

Il coach livornese saluta dopo otto anni di permanenza. Esposito nome caldo per la successione.

di Fabio Rusconi

Manca solo l’annuncio ma sembra ormai cosa fatta. Dopo l’incontro avuto nella giornata di ieri, il Basket Brescia Leonessa e Andrea Diana si separano, nonostante il contratto in essere tra le parti scada il 30 giugno 2020. I motivi precisi per il momento non sono noti, ma sicuramente pesa, sulle decisione della dirigenza, l’opaca stagione della Germani, conclusasi con l’eliminazione in EuroCup ai gironi e il mancato raggiungimento della Final Eight di Coppa Italia e dei Playoff.

Diana lascia Brescia dopo otto anni di permanenza, tre da vice (con Dell’Agnello e Martelossi) e cinque da capo allenatore. Un ciclo vincente quello del coach labronico da head coach, riuscendo a portare la Leonessa alla storica promozione in Serie A nel 2015/16, oltre che al punto più alto della sua storia nel 2017/18, quando riuscì a centrare il terzo posto in campionato e la semifinale playoff, in cui Brescia ottenne anche il vantaggio nella serie contro Milano sbancando il Forum di Assago in gara 1. Al nome di Diana è legata indissolubilmente la storia del Basket Brescia Leonessa nato nel 2009 e più in generale del basket bresciano, e il coach livornese resterà per sempre associato al club lombardo. Ora su di lui c’è forte l’interesse dell’Apu Gsa Udine, mentre per la Germani il nome caldo resta quello di Vincenzo Esposito: tra il “Diablo” e la Leonessa ci sono già stati dei contatti.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy