Milano sogna Datome, idee Gentile e Cinciarini per la regia

Milano sogna Datome, idee Gentile e Cinciarini per la regia

Commenta per primo!

E’ Gigi Datome (SigmaSports) l’obiettivo numero uno del progetto EA7 con Jasmin Repesa (DoubleB) sul ponte di comando. Ufficiale l’accordo biennale col coach croato, liberato da Milano dietro il versamento di un buyout al Cedevita Zagabria. Per il tecnico ex si parla di un ingaggio superiore ai 300mila euro a stagione e al suo fianco resteranno i vice Massimo Cancellieri (SportLab Agency) e Mario Fioretti oltre al preparatore atletico Giustino Danesi. A livello dirigenziale Flavio Portaluppi farà ancora parte dei quadri dell’Olimpia, ma non si occuperà più dell’area tecnica e di mercato: il ruolo di g.m. è tuttora vacante (il presidente uscente aveva proposto Marco Sambugaro, attuale dirigente di Biella, senza esito) e le strategie di mercato saranno curate direttamente da Livio Proli e da coach Repesa senza cercare un operativo di mercato. Le prime mosse saranno legate al mercato interno: certa la conferma di Alessandro Gentile (Riccardo Sbezzi), indicato da Proli come e coinvolto nella scelta del coach, l’idea è quella di affiancare all’atleta del 1992 un altro italiano importante come l’ala reduce dall’esperienza NBA con Detroit e Boston. Il fuoriclasse sardo al momento vuole verificare ulteriori prospettive NBA e in subordine cercherà un contratto importante in Europa, dove comunque Milano dovrà battere la concorrenza di Barcellona e Fenerbahce che hanno spazio tecnico e salariale. In alternativa si proverà, ma pare impresa ardua, a trattenere Niccolò Melli (SigmaSports), che aveva scelto il triennale proposto dal Bamberg anziché accettare il rinnovo fino al 2018 proposto dall’Olimpia con un vicino ai 450mila euro a stagione. Diattualità la pista Andrea Cinciarini (Riccardo Sbezzi): il playmaker della Grissin Bon ha un buyout non troppo elevato (circa metà del suo stipendio 2015-2016, la clausola ammonterebbe tra i 110 e 115mila euro), ma non è detto che potrebbe accettare di fare il cambio se l’EA7 puntasse su un playmaker titolare straniero. Per un ruolo dalla panchina potrebbe essere più adatto Stefano Gentile (Riccardo Sbezzi), considerato già due anni fa dall’Olimpia che dovrebbe invece reinserire Andrea Amato (Side by Side) come terzo playmaker dopo il biennio in prestito a Casale Monferrato, anche se il giocatore del 1994 ha avuto richieste da Varese e Cremona. Da verificare le prospettive di conferma di Bruno Cerella (Players Group) che comunque sembra orientato verso la permanenza all’EA7, in uscita invece Joe Ragland (TCA-TandT) nonostante l’anno residuo di contratto. Così riportano i colleghi di Spicchi d’Arancia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy