Pistoia, primi passi in A: ecco il punto sul mercato

Pistoia, primi passi in A: ecco il punto sul mercato

Commenta per primo!

Dopo i giorni di festa, subito a Pistoia si è iniziato a parlare di mercato. Il timore concreto era che coach Moretti potesse lasciare i biancorossi, timore alimentato da rumors e voci di interessamenti di importanti piazze di A(Roma, Siena e Caserta) oltre che da una “inquietante” (per i tifosi) presenza in tribuna nella finale del 22 Giugno, ovvero il presidente di Siena Lazzeroni più altri dirigenti senesi. Nei giorni successivi, questa paura è pian piano affievolita, sia per le rassicurazione del mister in conferenza stampa (“difficilmente riesco a pensarmi lontano da Pistoia!”) sia per il fatto che le piazze sopracitate hanno trovato altre soluzioni per la panchina (Caserta ha puntato su Emanuele Molin, ormai ex vice di Trinchieri a Cantù, mentre Siena si affiderà a Crespi, quest’anno vice di Banchi e lo scorso anno allenatore di Casale). Per quanto riguarda il roster, invece, la situazione è ancora molto incerta. C’è un blocco di italiani che sono ancora tecnicamente sotto contratto, di questi la permanenza di Toppo e Meini appare concreta, mentre per quanto riguarda i giovani Saccaggi e Borra ci sono più dubbi (potrebbero infatti optare per una stagione di transizione in A2, per incrementare la loro visibilità). Gek Galanda, non ha ancora realmente deciso cosa fare, anche se, nel caso decidesse di continuare la sua carriera e mettersi nuovamente in gioco, difficilmente si pensa che questo potrebbe avvenire lontano dalla provincia toscana, piazza in cui, per sua stessa ammissione, ha trovato una dirigenza efficiente, un pubblico davvero stupendo e una soddisfacente sistemazione a livello territoriale. Ci sono anche concrete possibilità di un inserimento in società, come dirigente, come lascia presagire una sua recente intervista «Con la società siamo molto amici e questo è un aspetto importante. A Pistoia mi sono trovato benissimo e ho stretto un legame forte con la città e con la società, per cui vediamo quale sarà il futuro. I progetti ci sono e ne stiamo parlando e niente è escluso. Diciamo che ci sono delle opportunità che vagheremo insieme, anche se molto dipenderà dal progetto che la società vorrà portare avanti. Il campionato di serie A sarà molto livellato il prossimo anno (visto che molte società hanno ridotto i budget) per cui, con un progetto serio e ben strutturato, abbiamo la possibilità di fare bella figura. Come ho detto, ci sono alcune situazioni sulle quali stiamo lavorando e di cui stiamo parlando con la società, vediamo come evolveranno le cose.» Per quanto riguarda gli americani si sa poco, difficile preannunciare cosa accadrà con Hicks e Graves, indiscrezioni indicano,peró,una Pistoia che sonda il terreno per Casper Ware, forte guardia statunitense classe ’90. Altro indizio di mercato, potrebbe essere l’ “avvistamento” dell’ala grande/centro classe ’89 Andrea Renzi in una gelateria pistoiese nei giorni scorsi, ma non si sa ancora nulla di concreto. Sul fronte sponsorizzazioni, voci mettono in pole position la Conad e la Sammontana, ma è plausibile pure una conferma della Giorgio Tesi Group. E’ scattata la campagna abbonamenti e una cosa è certa : l’euforia è già finita e a Pistoia ci si muove già per confezionare una nuova stagione coi fiocchi, col ricordo ben lucido di quel parquet del PalaCarrara invaso da un mare di tifosi, tifosi che nessuno vuole deludere.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy