Scandone: archiviata un’annata fantastica, si guarda già al futuro

Scandone: archiviata un’annata fantastica, si guarda già al futuro

Dopo l’uscita di scena dai Playoff Scudetto in Gara7 contro Reggio Emilia, in casa irpina si guarda in ottica futura, tra certezze e nodi da sciogliere.

Commenta per primo!

Di sicuro è stata finora la stagione più entusiasmante nella storia della Scandone Avellino, conclusasi soltanto due giorni fa nella decisiva Gara7 di semifinale persa contro Reggio al PalaBigi. Dopo un’annata simile, che consegna alla Sidigas il diritto di giocare in Europa il prossimo anno, la società biancoverde (che nei mesi scorsi ha rinnovato il rapporto con coach Sacripanti e il DS Alberani) vuole dare continuità ai propri successi ed al fine di ciò è già al lavoro per riconfermare lo zoccolo duro del roster che ha riportato entusiasmo ad un piazza che negli anni scorsi ha vissuto soltanto delusioni.

LE CERTEZZE – Sicuri della permanenza sembrano essere già in tre: Benas Veikalas, in virtù del biennale che lo lega alla Sidigas, e i due mental leaders Marques Green e Maarty Leunen, i quali avrebbero un accordo per il rinnovo già da qualche settimana. Presumibilmente si costruirà intorno a loro la nuova squadra che ritenterà la scalata verso la Finale Scudetto il prossimo anno.

GLI ITALIANI – Tra i giocatori nostrani rimarrà molto probabilmente Giovanni Severini, autore di un finale di stagione sempre in crescendo ed utilissimo anche nel corso dei Playoff, mentre la situazione è in divenire per i due emiliani Riccardo Cervi e Giovanni Pini, con la posizione di quest’ultimo più in bilico rispetto a quella del centro della Nazionale, per la conferma del quale, comunque, la Scandone è intenzionata a fare un bello sforzo economico. Nel caso in cui Pini dovesse lasciare la Campania, ecco l’ipotesi di un arrivo in biancoverde di Andrea Zerini, ala grande dalla buonissima affidabilità in scadenza di contratto con Brindisi.

L’MVP Nunnally

PARTENZE E PUNTI INTERROGATIVI – Chi invece è pressoché certo di andar via è James Nunnally, la cui superlativa stagione (MVP del campionato di Serie A) gli ha inevitabilmente dato una grossa visibilità in campo europeo, anche se l’ambizione dell’ala nativa di San Jose sarebbe quella di tentare di strappare un contratto in NBA dopo aver partecipato alle Summer League estive. Il discorso legato a Joe Ragland, invece, appare più complicato: il play ex Cantù con il suo arrivo ha cambiato faccia alla Sidigas,  che per trattenerlo dovrà offrirgli un ingaggio non indifferente, potendo anche contare sul buon rapporto che lui ha con coach Sacripanti e lo stesso Leunen, anche se, ad oggi, una sua conferma non pare affatto scontata. Sembra lontano dalla permanenza anche Alex Acker, che ha vissuto una stagione falcidiata da continui acciacchi fisici che gli hanno impedito di esprimersi al meglio per la causa irpina. In stand-by la situazione di Ivan Buva, vera e propria rivelazione di questa squadra: il centro croato vorrebbe rimanere, ma ci sarà da lavorare anche su questo fronte.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy