Aaron Craft e quel pensiero fisso in testa: “Io voglio vincere”

Aaron Craft e quel pensiero fisso in testa: “Io voglio vincere”

Presentato il play ex Santa Cruz Warriors: “La mia difesa è il mio orgoglio. Io e Forray possiamo fare molto bene”.

Commenta per primo!

“La mia difesa è il mio orgoglio”. “Sono un passatore prima che un realizzatore”. “Voglio vincere, e basta”. Per parlare dell’Aaron Craft giocatore non servono tanti giri di parole. Faccia pulita, battuta sempre pronta, il nuovo regista della Dolomiti Energia Trentino si è presentato alla stampa trentina con la franchezza del classico bravo ragazzo del Midwest americano. Dando conferma, nelle parole e negli intenti, a quanto ci si poteva aspettare scorrendo un curriculum che lo ha visto fare bene sia ad Ohio State, con la cui maglia è pure arrivato alle Final Four, sia ai Santa Cruz Warriors, con cui ha vinto la NBA D-League 2014-2015 venendo pure nominato miglior difensore del campionato. E senza nascondere i problemi di ambientamento incontrati nella sua unica esperienza europea in carriera, fatta all’inizio della passata stagione allo Szolnoki Olaj.

LUIGI LONGHI (Presidente DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “Aaron è un giocatore che seguivamo da tempo, Salvatore Trainotti e Jared Ralsky me ne hanno sempre parlato in termini estremamente positivi. Siamo contenti di averlo potuto portare a Trento, di lui si dice un gran bene sia come difensore che come regista nella metà campo offensiva: non vediamo l’ora di vederlo all’opera, a partire dal test che giocheremo giovedì contro il Bayern Monaco”.

AARON CRAFT (Play DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “Sono un giocatore che vuole vincere. A me interessa questo. Per arrivare all’obiettivo, nella metà campo offensiva cerco di limitare le palle perse, facendo però nel contempo girare l’attacco per mettere in ritmo i compagni. Sono un playmaker passatore, prima che realizzatore, ma nel corso del tempo credo di essere cresciuto anche sotto l’aspetto realizzativo. Per quanto riguarda l’aspetto difensivo…beh, la difesa è il mio orgoglio. Sono conosciuto per l’intensità e la determinazione che ci metto, conto di poterlo fare anche quest’anno a Trento. Io e Forray migliore coppia di playmaker del campionato nella metà campo difensiva? Tutti mi dicono un gran bene di Toto, dal canto mio sono pronto a fare la mia parte perché questo succeda. La mia esperienza in Ungheria? C’era un coach nuovo, e non si era creata per me una situazione favorevole a migliorare come giocatore: ho dovuto prendere una decisione difficile, e ho scelto la D-League per tornare a crescere. Visto che ora sono a Trento, in una realtà conosciuta per la sua ambizione e la sua cultura vincente, credo d’aver preso la decisione giusta. Penso che la Dolomiti Energia sia il posto perfetto per crearmi una reputazione europea di livello, e ho tanta voglia di dimostrare quello che valgo con i colori bianconeri. Non sarà facile abituarmi a giocare solo una volta a settimana, ma prendo l’aspetto positivo della cosa, avrò più tempo per lavorare sui dettagli, per diventare un giocatore più completo”.

Uff.Stampa Dolomiti Energia Trento

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy