Al PalaCarrara, Pistoia travolge Shanghai Sharks 104-70

Al PalaCarrara, Pistoia travolge Shanghai Sharks 104-70

Dopo le prime due uscite sotto forma di scrimmage contro Bottegone e Mens Sana, la Giorgio Tesi Group batte Shanghai Sharks nella prima amichevole ufficiale di questo precampionato. Una gara che Pistoia ha condotto fin dalla palla a due, subendo un leggero calo fisico nel terzo quarto che è stato ad appannaggio dei giocatori cinesi. Assente Marcus Thornton, a riposo precauzionale per un’infiammazione al tendine rotuleo.

AHI ITALIA: Una tournè italiana che, al momento, è utopistico pensare che la squadra di Shanghai ricorderà volentieri. Al di là dei risultati, questa è la terza e più pesante sconfitta in tre giorni di amichevoli lungo la penisola, la squadra del presidentissimo Yao Ming è stata protagonista di peripezie degne delle avventure di Rocambole. Giunti in Italia, i giocatori cinesi hanno smarrito il bagaglio contenente le mute ufficiali. Panico generale che per fortuna è stato fugato dai solerti organizzatori del Torneo di Rimini i quali hanno provveduto a “vestire” la squadra ospite. Abbigliamento di ventura, riproposto anche questa sera al PalaCarrara. Come se non bastasse, ad inabissare gli Squali ci ha pensato l’onda anomala Preston Knowles che si è abbattuta sul parquet nel primo quarto di gioco. Il figlio del Kentuchy ha subito cominciato a flirtare con la linea dei 6.75, sparando 15 punti nella sola prima frazione di gioco con tre triple a bersaglio. Bene anche Antonutti che, armato da Moore, mette a referto 8 punti. I ritmi di gioco però sono piuttosto blandi e Shanghai trova i canestri del centro di 2 e 21 Zhang Zhaoxu che, a fine gara, risulterà il miglior realizzatore cinese con 13 punti in coabitazione con Yang Ge. Quarto iniziale che comunque va in archivio sul 27-14 per i padroni di casa.

MARCIA INGRANATA: Pistoia cambia volto nel secondo quarto e il ritmo si impenna. Moore spinge, Blackshear e Filloy ne traggono giovamento e si fanno trovare pronti sugli scarichi. Quello che sembra patire maggiormente l’aumento della velocità è il centro Kirk che, pur essendo piuttosto svelto in rapporto alla mole, fatica ad entrare in partita. Knowles porta a 22 il bottino personale di punti e passa in cabina di regia, primo esperimento della partita per coach Esposito. Il prodotto di Louisville sembra aver il fosforo giusto anche per organizzare il gioco; saranno infatti 6 gli assist a fine gara insieme a 27 punti e 6 rimbalzi che lo fanno essere indiscusso MVP della sfida. Shanghai sembra accusare il cambio di ritmo e lo svantaggio crolla fino al 34-55 con cui le due squadre vanno negli spogliatoi per l’intervallo.

ORDINARIA AMMINISTRAZIONE: Gli ultimi due quarti servono per definire il risultato e permettere ad Esposito di sperimentare i giovani. Di carattere la prova di Severini che sgomita sotto canestro e chiude con 4/5 da due. Fra i giocatori del Celeste Impero, si mette però in mostra il classe 95 Ma Bin che, grazie ad una serie di and one consecutivi, colleziona 11 punti e strappa il terzo parziale in favore dei suoi (21-25). Nell’ultimo quarto, i ritmi fisiologicamente calano e a giovarne è Alex Kirk che sfoggia tutta l’argenteria, tripla in pick n pop compresa, occultata fino a quel momento e sigilla la gara con 18 punti e 9 rimbalzi. Quarto finale che arride anche a Lombardi e, soprattutto, a Blackshear. Il rookie da Louisville fa frusciare più volte la retina dall’angolo (3/5 da 3) e dà una spennellata di wasabi sul 104-70 finale con tre schiacciate in mezzo al traffico cinese, notoriamente asfissiante.

Esposito a fine gara in conferenza stampa si è mostrato soddisfatto della prestazione offerta dai suoi, ritenendo questo il primo vero test stagionale. Il coach casertano è però il primo ad essere consapevole che di passi in avanti ce ne sono ancora da fare parecchi prima di arrivare ad un gioco più corale e meno frammentario. Ha impressionato il feeling con il canestro mostrato da Knowles e le accelerate che è in grado di dare Moore, autore anche di 9 assist sintomo che, quando la macchina sale di giri, il play di Philadelphia riesce a tenere il volante ben saldo. Promossi Filloy, Antonutti e Blackshear. Sei in pagella anche a Kirk e Lombardi, protagonisti dell’ultimo quarto, esempi classici di studenti a cui basta un po’ di impegno per ben figurare. Ma il tempo, per una volta non tiranno, è dalla loro parte.

GIORGIO TESI GROUP PISTOIA: Moore 2 (9 assist), Knowles 27, Blackshear 19, Antonutti 8, Kirk 18; Filloy 17, Severini 8, Lombardi 5. Coach: Esposito (26/51 da 2, 15/30 da 3, 7/9 ai TL, 42 rimbalzi)

SHANGHAI SHARKS: Hsueh-Lin 8, Yang Ge 13, Ju Peng 4, Yi Zhai 5, Zhang Zhaoxu 13; Ma Bin 11, Cai Liang 3, Wei Lu 2, Qi Feng 3, Guanxi Wu 8. Coach: Liu Peng (21/40 da 2, 3/11 da 3, 19/28 ai TL, 28 rb)

Fotogallery a cura di Marta Colombo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy