Alba: Jaramaz è decisivo! Dalla lunetta condanna Reggio Emilia

Alba: Jaramaz è decisivo! Dalla lunetta condanna Reggio Emilia

Commenta per primo!

A distanza di oltre vent’anni dai tornei estivi giocati nelle più suggestive piazze italiane, Angelico Biella e Trenkwalder Reggio Emilia sono state protagoniste questa sera di una spettacolare amichevole giocata nella prestigiosa cornice di piazza Savona, nel pieno centro della città di Alba, davanti ad oltre 700 persone.

Sul parquet allestito dalla Mondo, lo stesso che l’azienda ha fornito per le recenti Olimpiadi di Londra, i rossoblu hanno battuto per 67-66 la squadra emiliana, al termine di un match appassionante e molto combattuto.

Privi di capitan Soragna e Laganà, i lanieri partono meglio nel primo quarto, chiuso con 11 lunghezze di vantaggio (19-8) e mantengono un buon vantaggio fino al 36-29 con cui le due squadre vanno al riposo di metà gara.

Nel terzo quarto arriva la reazione della Trenkwalder, che nel finale di frazione si porta addirittura avanti. Si entra così nell’ultimo periodo di gioco sul 56-54 per la squadra reggiana. Le due formazioni si alternano nei minuti finali il vantaggio nel punteggio, così si entra nell’ultimo minuto di gioco in parità. A decidere la partita è un 1/2 dalla lunetta di Jaramaz, seguito da un’ottima difesa di squadra che ha impedito agli emiliani di costruire una buona azione di tiro. La contesa finisce così 67-66 per la formazione di coach Cancellieri.

Al termine della gara i rossoblu hanno fatto ritorno a Biella, in preparazione dell’esordio ufficiale davanti al pubblico biellese, domani pomeriggio alle 18.15 contro la Vanoli Cremona, in cui ci sarà anche il saluto dei tifosi alla bandiera Nicola Minessi.

Angelico Biella – Trenkwalder Reggio Emilia: 67-66 (19-8; 36-29; 52-54)

Angelico Biella: Jurak 10; Raspino; Chiacig; Jaramaz 3; Mavunga 15; Cuccarolo ne; Chrysikopoulos 11; De Vico ne; Brackins 15; Moore 5; Robinson 8

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy