Avellino-Reggio Emilia, sala stampa: le parole di Sacripanti e Menetti

Avellino-Reggio Emilia, sala stampa: le parole di Sacripanti e Menetti

I due coach hanno analizzato nella conferenza post-gara il match tra campani ed emiliani, vinto ieri sera dai padroni di casa per 66-62

Commenta per primo!

Ecco di seguito le dichiarazioni dei due allenatori dopo il match tra Sidigas e Grissin Bon.

Stefano Sacripanti (coach Avellino): “Non nascondo la grande soddisfazione che provo per aver portato a casa i due punti. Non era facile giocavamo senza Fesenko, N’Diaye nonostante la voglia non è ancora entrato nei meccanismi di squadra. Siamo partiti male, forse è stata l’emozione di giocare davanti ad un PaladelMauro che ha risposto presente, ma grazie alla panchina che ha alzato l’intensità difensiva siamo riusciti a rientrare subito in gara. Sono soddisfatto delle prove di Zerini, D’Ercole e Scrubb, grazie a loro Reggio Emilia nel secondo periodo ha segnato appena otto punti. Quando sono saliti in cattedra Wells e Rich nel terzo quarto abbiamo allungato. Alla fine abbiamo ceduto un po’ ma siamo stati bravi a non mollare. Abbiamo scritto una delle pagine del nostro libro, ora dobbiamo continuare su questa strada lavorando sodo e credere nelle nostre potenzialità.
(Fonte: Uff. Stampa Scandone Avellino)

Massimiliano Menetti (coach Reggio Emilia): “Una partita tipica della prima giornata, senza molto spettacolo, tra due squadre che volevano vincere. Abbiamo fatto bene nel primo periodo, poi Avellino ci ha abbassato il ritmo e abbiamo subito.Nonostante questo abbiamo dimostrato di avere carattere fino alla fine , perché tenere loro a 66 punti non era semplice. Nel terzo parziale è mancata la fiducia commettendo diversi errori: è qui che l’abbiamo persa, nei quarti centrali, appunto. C’è tanto da lavorare, è una partita che ci lascia tante indicazioni. Ripeto, però, che abbiamo avuto tanto carattere e su questo la squadra mi è piaciuta.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy