Basketinside Awards 2018 – Serie A

Basketinside Awards 2018 – Serie A

Con la Regular Season appena andata in archivio, diamo uno sguardo, prima di tuffarci nei playoff, ai premi della stagione 2017-2018.

di La Redazione

Conclusa la Regular Season, prima di tuffarci nei playoff, prendiamoci giusto del tempo per assegnare i premi stagionali targati Basketinside.com. La stagione regolare ha sancito la retrocessione della Betaland Capo d’Orlando (sconfitta a Cremona nell’ultima giornata) e l’accesso ai playoff delle “magnifiche otto” con Cantù e Cremona qualificate ai danni di Sassari e Bologna. E allora scopriamo insieme chi più di tutti ha brillato in questa stagione, scoprendo insieme quali sono i due migliori quintetti e quali allenatori sono riusciti a far rendere al meglio le proprie squadre.

TOP5SERIEA2018

PRIMO QUINTETTO

G: Luca Vitali (Germani Basket Brescia): 7.9 ppg, 6.2 apg, 11.3 val
G: Jason Rich (Sidigas Avellino): 19.3 ppg, 2.8 rpg, 17.0 val
F:  Stanley Okoye (Openjobmetis Varese): 15.4 ppg, 7.5 rpg, 15.7 val
F: Christian Burns (MIA-Red October Cantù): 14.3 ppg, 10.2 rpg, 20.0 val
C: Mitchell Watt (Reyer Venezia): 11.5 ppg, 4.5 rpg, 12.7 val

SECONDO QUINTETTO

G: Darius Johnson-Odom (Vanoli Cremona): 18.7 ppg, 3.3 apg, 18.3 val
G: Randy Culpepper (Mia-Red October Cantù): 17.0 ppg, 3.4 rpg, 18.0 val
F: Alessandro Gentile (Virtus Segafredo Bologna): 16.8 ppg, 6.3 rpg, 15.4 val
F: Dominque Sutton (Dolomiti Energia Trento): 13.4 ppg, 7.8 rpg, 16.5 val
C: Arturas Gudaitis (EA7 Emporio Armani Milano): 10.9 ppg, 7.3 rpg, 17.5 val

MIGLIOR 6° UOMO: Diego Flaccadori (Dolomiti Energia Trento): 8.8 ppg, 1.9 rpg, 7.2 val ( 4 sf in 30 presenze)

MVP DELLA REGULAR SEASON: Christian Burns  (Mia-Red October Cantù). Il nostro MVP della Lega A è l’ala della Mia Red October Cantù, Christian Burns. L’ex Brescia chiude una stagione regolare pazzesca: primo per valutazione (20.0), primo per rimbalzi (10.2), chiude in doppia doppia di media con 14 punti e 10 rimbalzi. Ancora maggior risalto assume l’annata di Burns, considerato l’avvio turbolento dei lombardi, soprattutto dal punto di vista societario. Con un pronostico da “squadra per conquistare la salvezza”, la Red October è stata catapultata nelle migliori otto con pieno merito e gran parte di questa impresa sportiva è passata fra le mani dell’ala biancoblu. 

COACH DELL’ANNO: 1° Attilio Caja, 2° Marco Sodini, 3° Andrea Diana. E’ Attilio Caja il coach dell’anno scelto dalla nostra redazione. Un girone di ritorno clamoroso, frutto di 12 vinte e solo 3 perse, ha permesso all’Openjobmetis Varese di passare da ultima in classifica a un sesto posto nella graduatoria finale. La squadra svogliata e abulica dell’andata, si è invece collaudata e grazie ai giusti innesti si è trasformata in un gruppo affiatato e tenace, in grado di compiere scalpi importanti ai danni di corazzate come Milano e Venezia, che si son dovute inchinare ad Avramovic e compagni. Si piazzano al secondo Marco Sodini, autentico artefice del miracolo canturino, capace non solo di un superbo lavoro sul campo trasformando una squadra che tutti davano in lotta per non retrocedere in una mina vagante da playoff, ma soprattutto per quanto svolto fuori dal campo, riavvicinando il caloroso pubblico biancoblu nonostante le complesse vicende societarie di inizio anno. Chiude infine il terzetto Andrea Diana, protagonista di una stagione superlativa che ha visto Brescia combattere fino a poche giornate dal termine per il primato prima di finire la stagione regolare al terzo posto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy