Basketinside Awards 2019 – Serie A

Basketinside Awards 2019 – Serie A

Con la Regular Season appena andata in archivio, diamo uno sguardo, prima di tuffarci nei playoff, ai premi della stagione 2018-2019.

di La Redazione

Con la Regular Season appena andata in archivio, diamo uno sguardo, prima di tuffarci nei playoff, ai premi della stagione 2018-2019 scelti dalla redazione di basketinside.com

Q1LBA2019

 

PRIMO QUINTETTO

PG: Mike James (A|X Armani Exchange Milano): 15.0 ppg, 5.1 apg, 15.9 val
G: Adrian Banks (Happy Casa Brindisi): 15.2 ppg, 4.7 rpg, 17.4 val
F: Andrew Crawford (Vanoli Cremona): 17.4 ppg, 4.0 rpg, 15.6 val
PF: John Brown (Happy Casa Brindisi): 14.4 ppg, 6.7 rpg, 17.4 val
C: Davon Jefferson (Acqua S.Bernardo Cantù):18.0 ppg, 8.8 rpg, 23.5 val

SECONDO QUINTETTO

PM: Keifer Sykes (Sidigas Avellino): 17.2 ppg, 4.1 apg, 16.8 val
G: Frank Gaines (Acqua S.Bernardo Cantù): 20.3 ppg, 3.2 rpg, 16.2 val
F:  Thomas Scrubb (Openjobmetis Varese): 13.5 ppg, 7.0 rpg, 17.5 val
C: Mitchell Watt (Umana Reyer Venezia): 15.3 ppg, 5.5 rpg, 18.3 val
C: Jack Cooley (Banco di Sardegna Sassari): 
14.5 ppg, 9.0 rpg, 17.8 val

MIGLIOR 6° UOMO:  Achille Polonara (Banco di Sardegna Sassari): 9.9 ppg, 5.5 rpg, 12.8 val ( 1 sf in 29 presenze)

MVP DELLA REGULAR SEASONJohn Brown (Happy Casa Brindisi). Il nostro MVP della LBA 2018-19 è John Brown dell’Happy Casa Brindisi. Il giocatore americano dopo due stagioni in A2 rispettivamente a Roma e Treviso, non ha per nulla patito il salto di categoria imponendosi invece come uno dei migliori lunghi del torneo. In 30 partite giocate è andato in doppia cifra 25 volte mettendo nel suo bottino personale anche cinque doppie doppie toccando tredici volte almeno 20 nella valutazione. Arrivato come gregario, si è subito imposto come uno dei leader del gruppo. Le speranze di una post season degna di nota per i pugliesi passerà sicuramente dal rendimento del lungo di 203 cm.

COACH DELL’ANNO: 1° Sacchetti, 2°Dalmasson, 3°Vitucci. E’ Romeo Sacchetti il coach dell’anno scelto dalla nostra redazione. Autentica rivelazione del campionato, la Vanoli ha scritto una pagina storica della propria storia vincendo la Coppa Italia e chiudendo al secondo posto in classifica con un bilancio di 20 vittorie e sole 10 sconfitte andando oltre ogni aspettativa di precampionato. Al secondo posto menzione obbligatoria per Eugenio Dalmasson. Stagione incredibile quella dei giuliani e del loro allenatore, che al debutto nella massima categoria ha messo insieme un gruppo capace di staccare meritatamente il traguardo dei playoff nonostante le difficoltà fuori campo sorte negli ultimi mesi. Nessuna stella a brillare, ma la solidità di un gruppo che con 88 punti di media a partita ha saputo consacrarsi come il miglior attacco di tutto il torneo. Chiude infine il terzetto Francesco Vitucci: un anno dopo esser stato artefice della salvezza, ha riportato entusiamo tra i pugliesi protagonisti di un cammino esaltante che ha visto l’Happy Casa issarsi costantemente tra i piani alti della classifica oltre a chiudere con una finale di Coppa Italia raggiunta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy