Brescia-Milano, la sala stampa: le parole di Diana e Repesa

Brescia-Milano, la sala stampa: le parole di Diana e Repesa

Le parole dei due coach.

Commenta per primo!

Ecco le parole dei due coach Repesa e Diana, dopo la vittori di Milano su Brescia.

Coach Jasmin Repesa commenta così la vittoria dell’EA/ di questo pomeriggio contro Brescia: “Tre quarti li abbiamo giocati bene. Abbiamo fatto confusione con troppe palle perse come con il Darussafaka quando loro hanno cambiato difesa e finto di difendere a zona. Bene Brescia, bella atmosfera, palazzo pieno: sono contento della vittoria e la nostra difesa a tratti è stata anche molto buona. I giovani? Fontecchio ha la nostra fiducia e capisco che non è facile giocare dopo tre partite fuori ma queste gare sono una bella opportunità di giocare con intensità sostituendo gli allenamenti che non abbiamo e la concentrazione deve essere quella giusta. Ma Simone alla lunga è migliorato. Nessuno a parte me dopo tre minuti non l’avrebbe tolto. Abass è entrato senza la giusta concentrazione e poi non h recuperato. Questa comunque era una partita trappola. Dobbiamo essere consapevoli che tutti contro di noi vogliono fare il colpo. È normale ma dobbiamo sempre affrontare le partite nel modo giusto, stare nel piano gara, eseguirlo e vincere come oggi”.

ANDREA DIANA: “Abbiamo giocato in condizioni difficili, soprattutto per quanto è accaduto in settimana. Ho saputo che alcuni giocatori potevano giocare solo durante il riscaldamento e quindi non posso che essere soddisfatto di quello che hanno dato in campo, soprattutto dal punto di vista della loro disponibilità. Siamo riusciti a essere competitivi contro una squadra come Milano che ha una grande qualità e con le sue rotazioni riesce a spalmare la propria intensità per tutti i 40′. Il nostro processo di crescita continua, sappiamo che da partite come queste possiamo imparare cose che torneranno preziose nel prosieguo della stagione”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy