Brescia, parlano Bragaglio e Ferrari: “Il nostro progetto merita fiducia”

Brescia, parlano Bragaglio e Ferrari: “Il nostro progetto merita fiducia”

Le parole della presidentessa della Leonessa Brescia e dell’AD di Germani SpA

di La Redazione

“La vittoria non deve diventare un’ossessione. Come tutti i progetti importanti, quello pensato per Basket Brescia Leonessa si costruisce nel tempo”. All’indomani della sconfitta subita dalla squadra ad Andorra nella prima trasferta di EuroCup, ci pensano Graziella Bragaglio, presidente della Germani Basket Brescia, e Mauro Ferrari, Amministratore delegato di Germani Spa, a porre l’attuale momento vissuto dalla squadra nella giusta prospettiva, quella del lungo periodo.

“La trasferta di Andorra è stata impegnativa, soprattutto dal punto di vista logistico – spiega il presidente di Basket Brescia -. Un viaggio lungo e stancante che ha sicuramente impattato sulla resa in campo. Ringrazio i nostri tifosi che erano presenti, impiegando il loro tempo e le loro risorse economiche per stare vicini alla squadra. I dirigenti di Andorra e le autorità cittadine ci hanno fatto i complimenti per la correttezza dei nostri tifosi. La bellezza del nostro progetto è rappresentato anche dal modo in cui il nostro splendido pubblico approccia il tifo alle partite”.

“La pallacanestro è diversa da tutti gli altri sport, in questa fase della stagione per noi vincere non deve diventare un’ossessione – le fa eco Mauro Ferrari -. Nessuno ci ha imposto di giocare in EuroCup, avremmo potuto benissimo rinunciarvi. Invece abbiamo deciso di gettarci in questa avventura ben consapevoli verso cosa saremmo andati incontro ma ugualmente entusiasti di accrescere la nostra esperienza sia a livello societario che di squadra”.

“Il nostro gruppo deve ancora amalgamarsi per diventare una squadra e trovare continuità per tutti i 40′ – spiega Graziella Bragaglio -. Ai nostri tifosi chiedo solo un po’ di pazienza. Come tutti i progetti importanti, quello del nuovo Basket Brescia Leonessa si costruisce nel tempo. È sbagliato continuare a fare esempi con il recente passato, per quanto sia stato eccellente: dobbiamo pensare esclusivamente a questa stagione”.

C’è una cosa che accomuna il pensiero di Graziella Bragaglio e di Mauro Ferrari: domenica il PalaLeonessa dovrà essere un fattore capace di spingere la squadra a una grande prestazione. “Contro Reggio Emilia mi aspetto di trovare un PalaLeonessa pieno, caloroso, dove tutti abbiano il desiderio di stare vicino alla squadra”, spiega il Presidente della Leonessa. “Andiamo avanti tutti insieme riempiendo il PalaLeonessa – propone Mauro Ferrari -. È la nostra nuova casa, dobbiamo riempirla già a partire da questa domenica e divertirsi tutti insieme”.

“Il nostro spirito resta immutato, continuiamo a essere un’eccellenza dello sport non solo bresciano – spiega Graziella Bragaglio -. Non dobbiamo dimenticare da dove siamo venuti: siamo al terzo anno di Serie A, abbiamo un palazzetto nuovo, abbiamo cambiato il 70% della squadra. Ritengo che ci sia molto da sistemare ma credo che Brescia abbia uno staff tecnico di alto livello con la preparazione adatta a capire quali sono i correttivi da applicare. La fiducia riposta in Andrea Diana è massima”.

“Basket Brescia Leonessa non è rappresentato solo dai 12 giocatori che scendono in campo – puntualizza il presidente della Leonessa -. Al di fuori della partita, c’è tutto uno staff dirigenziale e operativo che sta lavorando a pieno ritmo per costruire un progetto che rappresenti in tutto il basket in città, a partire da un settore giovanile in forte crescita e una serie di iniziative pronte a partire che renderanno unica la partecipazione alle partite della Leonessa”.

“Abbiamo il miglior allenatore emergente che c’è in Italia, lasciamolo lavorare in pace e sono sicuro che nelle prossime partite il coach riuscirà ad inquadrare la squadra per ottenere il massimo – conferma Mauro Ferrari -. Basket Brescia Leonessa punta a far divertire i bambini, i ragazzi, le famiglie e tutti i propri tifosi. Questo è un movimento che ci ha regalato grandi soddisfazioni e ce ne darà ancora. Dobbiamo fare in modo che l’ossessione per la vittoria non rovini tutto”.

In attesa che la squadra torni in campo nel primo impegno casalingo del campionato, il pensiero conclusivo spetta a Graziella Bragaglio: “In dieci anni di vita, questa società ha sempre dimostrato grande oculatezza e sapiente capacità gestionale e penso che lo stesso stia avvenendo anche in questa stagione. L’ottimismo è sempre stato il moto di Basket Brescia Leonessa e lo è maggior ragione quest’anno. Abbandoniamo le critiche andando avanti con il nostro percorso: sono certa che i risultati sportivi arriveranno”.

 

 

Uff.stampa Basket Brescia Leonessa

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy