Cantù e il suo fine Settembre infuocato: parola d’ordine vincere

Cantù e il suo fine Settembre infuocato: parola d’ordine vincere

Cantù riparte con una parola d’ordine. Vincere. Dopo anni di traguardi importanti come il ritorno in una finale scudetto due anni fa e una partecipazione onorata nell’ultima Euroleague, per la squadra del confermatissimo coach Andrea Trinchieri l’obiettivo dell’ormai imminente stagione 2012-2013 sarà cercare di vincere qualcosa. La società si è mossa molto sul mercato nei mesi estivi, andando a inserire importanti tasselli nel roster canturino, cercando di colmare le lacune evidenziate durante la scorsa stagione.

In primis in cabina di regia: uno dei maggiori problemi dell’ultimo campionato è stato proprio nel ruolo di playmaker dove la “banda Trinchieri” ha visto innumerevoli cambiamenti durante l’arco. Partiti con la folle coppia italiana Basile-Cinciarini, si è dovuto intervenire presto sul mercato vista l’inesperienza del secondo e la poca abilità del primo nel ricoprire un ruolo “non suo”. Dal mercato sono così arrivati prima Gianella, durato poche partite e in seguito Doron Perkins, vera delusione dell’ultimo spicchio di stagione. La società ha così optato per un cambiamento totale, richiamando da Cremona il folletto Jonathan Tabu, che dopo un anno d’esperienza, è chiamato a confermarsi a piani più alti come quelli canturini. Insieme a lui ci sarà Jerry Smith, play-guardia reduce dall’annata in D League negli Springfield Armor. Sarà lui la vera scommessa da vincere. Il colpo più importante è però arrivato senza dubbio nel ruolo di guardia, con l’arrivo da Siena di Pietro Aradori. Primo terminale offensivo, l’ex Montepaschi è reduce da un’estate esaltante con la nazionale e sarà senza dubbio l’arma in più di questa Cantù. Con lui, nello spot di 2, ci sarà ancora una volta il capitano Nicolas Mazzarino, simbolo della squadra ormai giunto alla sua ottava stagione consecutiva in maglia bianco blu.

Sempre per quanto riguarda i ruoli d’esterni, agirà nello spot di 3 Manuchar Markoishvili. Il georgiano è stato uno dei pochi uomini a salvarsi nel finale di stagione e insieme ad Aradori, sarà chiamato a portare punti nel tabellino canturino. Il suo cambio sarà Brooks, arrivato dopo un campionato convincente disputato in Legadue a Jesi e capace di giocare nel ruolo sia di 3 sia di 4. Nel reparto lunghi confermati sia Leunen sia Scekic, con l’americano che è ormai un perno insostituibile nello starting five mentre il serbo, dopo una stagione caratterizzata dall’infortunio che l’ha tenuto fuori praticamente tutta la stagione, è ancora alle prese con la riabilitazione con lo staff canturino che sta cercando di fare il possibile per averlo a disposizione nella finale di Supercoppa. Sotto le plance ci sarà invece una nuova coppia a difendere i tabelloni, ovvero Marco Cusin e Alex Tyus: il primo arriva da una semifinale playoff conquistata con Pesaro dopo aver eliminato proprio i canturini, mentre il secondo ha sposato la proposta di Cantù nonostante le lusinghe ricevute dal Maccabi Tel Aviv. Undicesimo sarà invece il giovane Abass Awudu, reduce da un buonissimo campionato europeo under 20 dove si è messo in luce con la nazionale di coach Sacripanti. Completano infine il roster il ceco Kudlacek, arrivato in prestito da Reggio Emilia e destinato al ruolo di “straniero di rotazione” in campionato e il giovane ex Piacenza Andrea Casella.

 

$1·         Roster 2012-13

GIOCATORE

STATISTICHE 2011-12

4

Jakub Kudlacek

5.4 punti. 14.3 minuti, 0.8 rimbalzi, 5.1 di valutazione (Caserta)

5

Abass Awudu

0 punti, 1.5 minuti, 0.5 rimbalzi, -1 di valutazione (Cantù)

7

Marko Scekic

5.9 punti, 19.3 minuti, 5 rimbalzi, 6.3 di valutazione (Cantù)

8

Jerry Smith

19.1 punti, 35 minuti, 3.8 assist (Springfield Armor)

9

Manuchar Markoishvili

10.7 punti, 23.7 minuti, 3.1 rimbalzi, 9.7 di valutazione (Cantù)

10

 Maarten Leunen

9.6 punti, 32 minuti, 4.8 rimbalzi, 12.1 di valutazione (Cantù)

12

Nicolas Mazzarino

10.1 punti, 27.6 minuti, 1.8 rimbalzi, 9.1 di valutazione (Cantù)

15

Jeffrey Brooks

17 punti, 35 minuti, 7 rimbalzi, 18.1 di valutazione (Jesi)

16

Alex Tyus

13.3 punti, 26.8 minuti, 8.3 rimbalzi, 18.8 di valutazione (Maccabi Ashdod)

18

Jonathan Tabu

10.4 punti, 28.8 minuti, 2.8 assist, 10.6  di valutazione (Cremona)

21

Pietro Aradori

8.5 punti, 18.2 minuti, 2.7 rimbalzi, 10.1 di valutazione (Siena)

22

Marko Cusin

7.7 punti, 21.3 minuti, 5.1 rimbalzi, 9.7 di valutazione (Pesaro)

All:

Andrea Trinchieri

Nb: sono riportate le medie di ogni singolo giocatore

 

ASPETTATIVE E PRONOSTICI

Per la squadra di coach Trinchieri la stagione si aprirà con anticipo rispetto le altre squadre. I prossimi dieci giorni avranno infatti un ruolo fondamentale per l’intera stagione, visto che la Pallacanestro Cantù sarà chiamata a disputare Supercoppa e Q-Round di Euroleague. Ancora una volta avversaria sarà la Montepaschi Siena nel primo appuntamento ufficiale di stagione in programma Sabato 22 Settembre a Rimini. I toscani hanno praticamente rifondato la squadra, perdendo gli elementi principali del proprio roster ma l’identità dei  bianco verdi è comunque solida vista la presenza di giocatori di spicco come Kasun, Sanikidze e Hackett, oltre al fatto che il nuovo coach è Luca Banchi, assistente di Simone Pianigiani nelle precedenti stagioni. Cantù dovrà quindi cercare di far valere la propria compattezza di gruppo oltre alla voglia di rivincita che avrà sicuramente Pietro Aradori contro la sua ex squadra. Spostandoci un attimo al capitolo europeo, dal 25 al 29 Settembre ci saranno i preliminari in programma a Desio. Il “teatro dei sogni” che ha ospitato diverse imprese della scorsa stagione sarà quindi uno dei fattori principali a cui a coach Trinchieri potrà affidarsi durante la manifestazione, potendo contando sulla spinta del caloroso pubblico canturino. Quanto alle avversarie, la prima insidia saranno i bulgari del Lukoil Sofia ma la rivale più accreditata resta senza dubbio l’Unics Kazan, che in estate ha acquistato giocatori del calibro di Mire Chatman e Chuck Eidson.

Questi primi due appuntamenti saranno quindi i primi obiettivi da centrare per determinare poi il resto della stagione. E se è vero che il buongiorno si vede dal mattino, vincere la Supercoppa rappresenterebbe un’iniezione di fiducia e morale anche per il continuo dell’anno.

PRECAMPIONATO AI RAGGI X

Cantù-Vacallo 73-41: Smith 10, Mazzarino 10, Brooks 5,  Leunen 2 , Cukinas 4, Awudu 11, Monroe 10, Buljan 2, Scott 9, Di Giuliomaria 4, Bernardini.

Cantù- Treviglio 84-59: Marulli, Awudu 10, Smith 13, Leunen 15, Mazzarino 11, Brooks 17, Buljan, Scott 7, Di Giuliomaria 7, Cukinas 4. All. Trinchieri.

Cantù-Biella 68-65: Marulli, Awudu, Smith 6, Leunen 11, Mazzarino 14, Brooks 25, Buljan, Scott, Di Giuliomaria, Bernardini 7, Cukinas 5. All: Trinchieri.

Cantù-Banvit 92-64: Marulli 6, Awudu 2, Smith 26, Leunen 15, Mazzarino 4, Siberna ne, Brooks 17, Buljan 2, Scott 8, Di Giuliomaria 8, Bernardini, Cukinas 4.

Cantù-San Pietro Burgo 63-56: Marulli 2, Awudu 1, Smith 9, Leunen 8, Mazzarino 15, Brooks 15, Buljan ne, Scott, Di Giuliomaria 6, Bernardini 2, Cukinas 5

Cantù-Mariupol 60-76: Marulli 2, Awudu 7, Leunen 8, Mazzarino 14, Brooks 13, Buljan, Scott 3, Di Giuliomaria 4, Bernardini 4, Cukinas 5.

Cantù-Cremona 78-75: Marulli 1, Awudu 7, Leunen 14, Mazzarino 23, Brooks 5, Scott, Di Giuliomaria, Bernardini ne, Cukinas 2, Aradori 17 All. Trinchieri.

Cantù-Ney Yorker Phanoms 89-79: Kudlacek ne, Awudu ne, Smith 8, Markoishvili 7, Leunen 6, Mazzarino 20, Brooks 11, Tyus ne, Tabu 10, Aradori 15, Cusin 2, Cukinas 10.

Cantù-Bologna 73-71: Kudlacek ne, Awudu ne, Smith 15, Markoishvili 12, Leunen 6, Mazzarino 3, Brooks 5, Tabu 3, Aradori 19, Cusin 6, Cukinas 4.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy