Cantù: Gerry Blakes in crescita, è il secondo miglior tiratore da tre punti

Cantù: Gerry Blakes in crescita, è il secondo miglior tiratore da tre punti

Focus su Gerry Blakes.

di La Redazione

Nato il 16 novembre del 1993 a Inglewood, nella contea di Los Angeles (California), Gerry Blakes si è presentato in Serie A in punta di piedi, giunto per la prima volta in Italia dopo un biennio vissuto tra Cipro e Svezia, in campionati relativamente poco competitivi rispetto alle maggiori leghe europee.

Ma Blakes, combo guard in forza all’Acqua S.Bernardo Cantù, si è rimboccato le maniche fin da subito, lavorando rigorosamente durante tutta la preseason estiva e nel corso della stagione 2018-2019. Spesso, se non sempre, Blakes è il primo ad arrivare al “Toto Caimi” di Vighizzolo e l’ultimo ad andarsene. Ossessionato dal duro lavoro in palestra e dal migliorarsi sempre di più, Gerry (per tutti “Ge”) ha saputo meritarsi un campionato come la Serie A con i fatti, grazie a tanto impegno e tanti sacrifici.

Non è un caso, dunque, che Blakes abbia svoltato la propria stagione grazie ai tanti, tantissimi miglioramenti in palestra. Ore extra di lavoro passate principalmente a tirare da tre che hanno portato Blakes ad affinare notevolmente il proprio tiro, diventando così uno dei migliori tiratori del campionato. Anzi, il migliore soltanto dopo Michael Bramos della Reyer Venezia. L’esperto giocatore americano naturalizzato greco è – per un soffio – primo in LBA dall’arco con il 50.6%, autore di 42 triple realizzate su 83 tentate. Alle sue spalle dietro di pochissimo, proprio il “cecchino” dell’Acqua S.Bernardo, Blakes, secondo nella lega con un eccellente 50% (24/48).

Progressi in allenamento, per poi passare ai fatti anche in partita: Blakes a Natale, dopo il derby con Varese e dopo 12 partite giocate, viaggiava con il 37.5% da tre (9/24), faticando non poco a prendere confidenza con quello che – per una guardia – è un aspetto molto importante del proprio bagaglio tecnico personale. Poi, dalla partita casalinga con Pistoia, l’improvvisa crescita esponenziale. Un cambio radicale che ha portato Blakes a tirare più spesso in partita, questa volta però andando a bersaglio in 15 occasioni su altri 24 tentativi. Un netto passo in avanti che, numeri alla mano, si può calcolare in percentuale: 62.5% nelle ultime sei giornate di LBA, in cui Cantù – non a caso – ha vinto quasi sempre. Non è stato di certo l’unico fattore ma, nelle cinque vittorie su sei partite, Blakes è parso ampiamente in forma di grazia, risultando decisivo per le sorti dell’Acqua S.Bernardo, spesso aggrappata alle sue prodezze dall’arco.

Uff.Stampa Pall.Cantù

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy