Cantù-Varese, la sala stampa: le parole di Moretti e Bazarevich

Cantù-Varese, la sala stampa: le parole di Moretti e Bazarevich

La sala stampa di Cantù-Varese.

Commenta per primo!

Coach Moretti commenta così la sconfitta della sua Openjobmetis nel derby contro Cantù: “Questa sera finisce la nostra stagione, ma io sono qui con il sorriso perché so che ci abbiamo provato. Abbiamo disputato la miglior partita possibile, giocando con quello che avevamo senza particolare preparazione tattica, poiché non ne abbiamo avuto il tempo. Mi aspettavo che fino all’intervallo potessimo tenere il ritmo di Cantù e così è stato. Nel terzo periodo abbiamo però avuto un grosso calo che ci ha affossato. Nell’ultima frazione siamo riusciti a ritrovare l’energia per riavvicinarci, ma abbiamo commesso dei piccoli errori che non ci hanno permesso di agganciare l’Acqua Vitasnella”.

“Credo sia giusto così – ha concluso il coach di Varese – perché tre mesi ottimi di campionato non sono sufficienti per andare in paradiso. Rimane una stagione positiva, visto che siamo riusciti a cambiare un’inerzia che era difficile da modificare e abbiamo compiuto un percorso in Europa a dir poco straordinario. Finiamo con il sorriso in faccia, perché anche questa sera abbiamo dimostrato di avere un grande cuore e un buon gioco, almeno fino a quando abbiamo avuto le energie per metterlo in campo”.

Coach Bazarevich commenta così il successo della sua Acqua Vitasnella nel derby con Varese: “Era l’ultima gara della stagione e, anche se non contava molto dal punto di vista della classifica, sapevamo quanto fosse importante per i tifosi. Volevamo giocare con durezza e lo abbiamo fatto”.

“Devo davvero fare i complimenti a Varese – ha aggiunto l’allenatore della Pallacanestro Cantù – che nel primo tempo ha disputato un’ottima prestazione, girando bene la palla e trovando un Davies scatenato che probabilmente ha segnato tutto ciò che non gli era entrato nelle Final Four di Fiba Europe Cup. Noi invece avevamo perso un po’ il ritmo gara visto che eravamo fermi da 10 giorni e che Fesenko aveva anche saltato il match con Pesaro e la settimana di allenamenti precedente”.

“A inizio del secondo tempo – ha concluso il coach russo – abbiamo però trovato il modo giusto per attaccare la difesa di Varese sorprendendo anche un po’ i nostro avversari. E’ stato quello il momento cruciale della sfida”.

Uff.Stampa Pall.Cantù

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy