Caserta, Barbagallo:”Sono pronto a rimettermi in gioco”

Caserta, Barbagallo:”Sono pronto a rimettermi in gioco”

Si è da poco conclusa la conferenza stampa di Carlo Barbagallo, socio di minoranza della Juve Caserta, che ha voluto spiegare le sue ragioni nella diatriba che lo vede opporsi oramai da mesi al suo socio Raffaele Iavazzi.

Non voglio fare polemica e non voglio parlare del passato. Oggi ho inviato una mail a Lello per fare una conferenza insieme e chiedere scusa ai tifosi per lo spettacolo che abbiamo dato. Mi fa girare le scatole essere paragonato a Galimberti” così Barbagallo ha iniziato la sua conferenza indetta per annunciare che per quanto gli riguarda la trattativa per il passaggio di proprietà della JuveCaserta non è chiusa, infatti, l’imprenditore siciliano ha riferito di essere pronto a presentare un’offerta per il 90% delle quote per una somma di 270.000 euro solo ed esclusivamente se davvero l’indembitamento della società dovesse essere realmente di 1000 euro come riferito da Lello Iavazzi. L’attuale patron bianconero avrà quarantotto ore per valutare l’offerta ed in caso di risposta negativa allora Barbagallo metterà in vendita il suo 10% dando un diritto di prelazione a Iavazzi.

Si apre così una nuova pagina in quella che sta sempre più assumendo le sembianze di una telenovela all’indomani del pranzo tra Iavazzi e l’ex patron bianconero Rosario Caputo che sembrerebbe pronto ad aiutare la Juve anche se non è ancora chiaro come visto che ha escluso un ritorno in società. A proposito del possibile ritorno di Caputo, Barbagallo si è detto molto felice perchè “da Rosario da un punto di vista imprenditoriale c’è solo da imparare“.

Fare una fondazione non è semplice come fare una società di capitale, stiamo aspettando una delibera. La fondazione nasce per cercare il più possibile per investire nello sport e nella valorizzazione del territorio” così il presidente della COFIBA ha spiegato il perchè della non ancora creazione della sua fondazione di cui vuole tenere segreti i nomi dei soci fino alla sua creazione. Quindi, secondo Barbagallo, l’incontro di mercoledì non è andato a buon fine perchè non c’erano le condizioni per un passaggio di quote che prima della chiusura del bilancio al 30 giugno non è possibile fare. Barbagallo ha sottolineato che l’offerta è strettamente legata alla situazione debitoria della società che, in caso Iavazzi accettasse la sua proposta, dovrà essere accertata prima di concludere l’operazione.

Sui suoi rapporti personali con Iavazzi l’imprenditore siciliano ha chiarito che non era assolutamante nelle sue intenzioni togliere la JuveCaserta a Iavazzi, infatti, l’offerta nasce solamente dopo che Iavazzi stesso aveva espresso l’intenzione di lasciare a fine stagione. “Non ho mai parlato di costruzione di strutture sportive ma di gestione” così Barbagallo ha risposto a Iavazzi che si era detto disponibile a collaborare con la fondazione per la costruzione di un palazzetto in città.

Nonostante avesse detto di non voler parlare del passato, complici anche le domande dei giornalisti, non si è potuto evitare un commento sulla stagione appena conclusasi:”All’inizio si è peccato nella gestione del gruppo e nella speranza di recuperare abbiamo fatto scelte sbagliate. Young mi ha deluso dal punto di vista umano” ed ha raccontato un episodio in cui l’ex Indiana Pacers si era allontanato dall’allenamento per andare a salutare la fidanzata fuori dal palazzetto ed aveva ricevuto una multa da Barbagallo che era stata stracciata sdegnosamante da Young prima di abbandonare definitivamante l’allenamento. La permanenza di Young a Caserta, stando alle odierne dichiarazioni di Barbagallo, è dovuta alla fiducia che nutriva in lui Zare Markovski. Comunque Barbagallo ha tenuto a precisare che anche sotto la sua presidenza la gestione della società era sempre condivisa e che l’ultima parola su tutto spettava sempre a Iavazzi.

Barbagallo ha precisato che, a prescindere dall’esito della trattativa per il passaggio delle quote societarie, rimarrà al fianco della Juve come sponsor e che l’eventuale introito della cessione del suo attuale 10% andrà in beneficenza.

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy