Caserta, il saluto di Giacomo Baioni

Caserta, il saluto di Giacomo Baioni

Si è tenuta questo pomeriggio la conferenza stampa con la quale Giacomo Baioni ha salutato Caserta.

In queste ore la Juvecaserta sta lottando per non scomparire, ma al PalaMaggiò qualcuno sta già pensando al futuro, per esempio, Giacomo Baioni, dopo tre anni all’ombra della Reggia in cui è stato assitant coach di Molin, Markovski, Esposito e Dell’Agnello, ha deciso di mettersi in gioco in  una big come la Dinamo Sassari, ma non ha voluto lasciare Caserta senza parlare ai tifosi.

Provo grande rispetto e riconoscenza per Caserta perché, quando fai un percorso di tre anni dove ho dato tutto, significa che ho avuto tutto da questa città e club. Oggi vado via e la cosa più bella, per uno che fa questo lavoro, è dire che bisogna vivere Caserta nel cammino di un coach. Caserta mi ha aiutato a crescere, qui mi sono fatto le ossa e lo porterò dentro. Se non fossi passato di qui non sarei arrivato dove starò“, sono queste le parole di riconoscenza verso città e società che il pesarese ha proferito nel corso della conferenza stampa tenutasi questo pomeriggio presso la sala Clinc del PalaMaggiò.

Baioni ha avuto parole di grande ammirazione anche per il quasi ex patron bianconero Raffaele Iavazzi:”Non so cosa farà, ma il patron è stato incredibile con me. Mi ha trattato come poche persone hanno fatto in vita mia e non posso dire niente contro di lui, ho sempre sostenuto Iavazzi e lo farò sempre. Lui ha messo quattrini che hanno permesso la sopravvivenza, ha fatto quello che doveva fare in questi tre anni e, ripeto, mi ha trattato in modo super, è un grande presidente“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy