Caserta, il tempo stringe e ancora poco o nulla si muove

Caserta, il tempo stringe e ancora poco o nulla si muove

La situazione all’ombra della Reggia.

A cinque giorni dalla conferenza stampa del presidente Raffaele Iavazzi la preoccupazione tra i tifosi della Pasta Reggia Caserta continua serpeggiare e la paura di vivere un nuovo 1998 diventa sempre più concreta. Sembrerebbe che sia il sindaco Marino che il patron Iavazzi abbiano avuto contatti con dei potenziali acquirenti della società campana, ma sembra che nessuno di loro abbia dato un imprinting alla trattativa così forte da poter chiudere a breve o, quantomeno, spingere Iavazzi a iniziare lui l’iter per l’iscrizione al campionato per poi occuparsi con calma delle formalità legate alla cessione.

Oltre al nome di Vigorito, imprenditore campano proprietario del Benevento calcio, in questi giorni si è vociferato anche di un altro gruppo proveniente dal napoletano che sarebbe interessato all’acquisto del club, ma sia nell’uno che nell’altro caso non si hanno segnali di una imminente conclusione della trattativa e i tempi per iscrivere ottemperare alle prime scadenze per l’iscrizione al campionato di cui Iavazzi, stando a quanto dichiarato nella conferenza stampa di giovedì scorso, non ha alcuna intenzione di farsi carico.

A meno di un ennesimo passo indietro di Iavazzi, che già in passato aveva annunciato l’addio e poi era tornato sui suoi passi, l’unica speranza per i supporters casertani resta quella di una trattativa lampo per la cessione di almeno l’80% della società nell’arco di questa settimana. Se si dovesse andare oltre si complicherebbe tutto, anche perché l’attuale presidente bianconero dovrà a un certo punto, prima che sia troppo tardi, provare a cedere il titolo sportivo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy