Caserta-Pistoia, la sala stampa: le parole di Dell’Agnello ed Esposito

Caserta-Pistoia, la sala stampa: le parole di Dell’Agnello ed Esposito

Il post partita di Caserta-Pistoia.

Sandro Dell’Agnello:”Due osservazioni: credo di aver interpretato la partita come volemavo noi difensivamente siamo riusciti a non far entrare in partita Hawkins, l’unica cosa che no va è che soffriamo troppo a rimbalzo d’attacco. Di valutazione generale abbiamo più del doppio di loro. Siamo riusciti ad accoppiarci bene e a non fargli fare quello che fanno bene: muoversi veloce e muovere veloce la palla. Solo a fine terzo quarto abbiamo fatto un paio di palle perse e li abbiamo fatto correre. Io su Sosa ci sto perdendo un po’ di energia perché è un grande talento ma tende a fare il solista, ma secondo me sta crescendo anche come atteggiamento, questo è un punto di partenza e non di arrivo perché le potenzialità ce l’ha. Siamo una squadra dinamica perché ci piace correre, a lungo andare no avremo una difesa arcigna come quella dell’anno scorso perché aumenteranno i possessi. Ci sono diversi indizi che ci fanno ben sperare. Nel finale di partita tendo a fidarmi di uomini che conoscono la pallacanestro. Jackson ha trovato una squadra con gerarchie già determinate, ma ci sta dando una mano pazzesca. Cinciarini sa qual è il suo ruolo e lo ha accettato con entusiasmo. A Milano una possibilità su un milione diamocela“.

Enzo Esposito:”Dobbiamo darci una mossa, senza dubbio. E’ vero, il campionato è lungo ma non eterno. Continuiamo a fare errori imputabili all’inesperienza, ma i giocatori devono capire che nella serie A italiana non è concesso giocare a sprazzi e invece anche questa sera lo abbiamo fatto. Non mi piace far drammi: dobbiamo continuare a lavorare duramente perché sbagliamo tanto e spesso questo capita per la poca esperienza che abbiamo in certi ruoli chiave. Le guardie devono dare molto di più a 360 gradi, altrimenti il lavoro dei lunghi è fatica sprecata”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy