Caserta, tutti i rebus di questo inizio stagione

Caserta, tutti i rebus di questo inizio stagione

Oramai manca davvero pochissimo all’avvio della stagione della Pasta Reggia Caserta, una stagione che sarà diversa da come ce la si aspettava a giugno, infatti, all’epoca c’erano poche certezze a livello societario e, soprattutto, la Juve era una squadra di A2. Adesso la società è saldamente nelle mani di Iavazzi e domenica inizierà l’ottavo campinato di A1 consecutivo, nonostante ciò, in questi giorni l’avvicinamento alla sfida di domenica a Varese è stato tutt’altro che tranquillo.

Un motivo di apprensione per i supporters bianconeri è rappresentato dalle condizioni fisiche di Peyton Siva che, come da comunicato della società, resterà a riposo fino a domani quando saranno rivalutate le sue condizioni, ma è comunque molto improbabile che coach Dell’Agnello possa decidere di rischiarlo domenica, infatti, il precampionato ha dimostrato che è proprio il prodotto di Louisville l’ago della bilancia di questa Juve e quindi è troppo importante preservarlo.

L’altro dubbio in vista della trasferta in quel di Varese è quello legato a Viktor Gaddefors, l’ex Virtus Bologna che era stato ingaggiato per sostituire l’infortunato Micah Downs durante la preparazione ed il cui rendimento ha colpito molti all’ombra della Reggia. Entro domani bisognerà decidere se lo svedese resterà, ma molti sono i dubbi in merito, infatti, Downs è rientrato ed ha mostrato il talento che ci si attendeva da lui e, nonostante le intemperanze di questo inizio di stagione, è molto improbabile che i bianconeri si privino di lui. In caso di permanenza di Gaddefors, il principale indiziato a lasciare la compagine bianconera è Muhammad El Amin che nel corso del precampionato non ha brillato. Nonostante i dubbi sulla guardia statunitense, la sostituzione di El Amin con Gaddefors lascia qualche perplessità poichè si indebolirebbe il reparto esterni che, senza El Amin, conterebbe solamente il giovane Giuri, il 32enne Cinciarini e Peyton Siva. L’ipotesi di una permanenza di Gaddefors senza alcun taglio è da escludere per motivi economici e di numero di stranieri.

Alla fine, nonostante le buone prestazioni dello svedese, è molto probabile che venga ”sacrificato” sull’altare dell’equilibrio.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy