Cremona-Bologna le pagelle: Hayes e Daniel clutch, Hazell e Gaddy non completano la rimonta

Cremona-Bologna le pagelle: Hayes e Daniel clutch, Hazell e Gaddy non completano la rimonta

Commenta per primo!

Vanoli Cremona  Ed Daniel: per tre quarti alterna buone giocate a pasticci, ma nell’ultimo periodo tira fuori dal cilindro una prestazione di assoluto spessore proprio nei momenti decisivi. Nel quarto periodo Pancotto gli da fiducia ma commette un ingenuo fallo in attacco. Da quel momento è un Daniel nuovo che sotto le plance piazza due giocate chiave proprio quando la partita era in bilico. Chiude il match con 11 punti e 9 rimbalzi ma 3/8 al tiro. Voto: 6.5 Kenny Hayes: era l’uomo che doveva scardinare la difesa virtussina e alla fine ha compiuto il suo dovere. Da tre punti litiga con il ferro ma in area è preciso ed è inoltre bravo a subire falli. Prestazione di spessore condita da quel jumper che ha permesso a Cremona di ritrovare un vantaggio perso proprio nell’ultimo quarto. Voto: 7 Giulio Gazzotti: riesce ad accoppiarsi bene con i giocatori di Bologna ma qualche fallo di troppo lo toglie dalla partita senza che sia riuscito ad esprimersi al meglio. Piazza qualche giocata positiva, compresi i due tiri liberi. Voto: 6 Luca Vitali: prestazione da Luca Vitali quella di oggi condita anche da una giocata decisiva nel finale. Infatti è stato preziosissimo lo sfondamento guadagnato sul tentativo di Reddic che ha permesso a Cremona di chiudere i conti dalla lunetta. Oltre alla giocata chiave anche il solito contributo con rimbalzi e assist. Bologna prova a difendere su di lui in maniera aggressiva ma è bravo nel trovare giocate anche nel traffico e sotto pressione. Chiude con uno stellare 11-7-7. Voto: 7.5 Fabio Mian: è l’uomo della svolta in casa Vanoli; Hazell fa quello che vuole nel primo quarto ma Mian riesce a imbavagliarlo e grazie alla sua ottima difesa, Cremona piazza importanti break. Non solo determinante con la difesa ma positivo anche al tiro dove riesce a trovare buone soluzioni. Voto: 7 Luca Campani: in attacco parte forte con alcune buone giocate poi la difesa di Bologna lo chiude e lo toglie dal match. Nell’ultimo quarto il protagonista è Daniel ma Campani non ha deluso. Voto: 6 Jazzmar Ferguson: in difficoltà a causa di alcuni errori banali, come la schiacciata/appoggio sbagliato in contropiede. 1/7 al tiro con 0/3 da tre punti. Voto: 5 Nicola Mei: solo tre minuti ma nei quali piazza una bomba incredibile che infiamma il pubblico. Voto: 6 Cameron Clark: esce nei momenti di difficoltà dei bianco blu. Si prende i canestri importanti e li segna. Giocatore provvidenziale che quando conta c’è. Chiude con 13 punti e 8 rimbalzi con un 5/8 da due punti. Voto: 7 James Bell: parte male in difesa dove non riesce a marcare Hazell ma è bravo a non scoraggiarsi. Infatti nel primo grande break sono le sue giocate (soprattutto da tre punti) che fanno volare Cremona verso il massimo vantaggio. Nel finale scompare ma la sua è una prova più che positiva. Voto: 6.5 Hazell Virtus Granarolo Bologna Okaro White: incide poco nella metacampo offensiva dove appare poco preciso (2/7 al tiro). In difesa al contrario è spesso  positivo dove a tratti marca bene i lunghi di Cremona. Voto: 5.5 Gino Cuccarolo: solo 2 minuti. Voto: S.V. Abdul Gaddy: perfetto nelle realizzazioni dove riesce ad incidere. Guida la rimonta insieme a Hazell con carisma e determinazione. 11 punti, 6 falli subiti e 4 assist. Nel finale due errori chiave ma resta una partita positiva. Voto: 6.5 Matteo Imbrò: 8 minuti di poca sostanza. Voto: 5 Simone Fontecchio: 6 punti per un contributo offensivo di poco conto. È bravo in diverse letture difensive, come la marcatura su Campani. si costruisce pochi tiri ma è piuttosto preciso. In generale partita positiva. Voto: 6 Valerio Mazzola: si prende molte conclusioni da tre punti ma non è serata. Sotto le plance riesce a catturare 10 rimbalzi e confeziona 4 stoppate ma in generale fatica sulla distanza. Voto: 5.5 Jeremy Hazell: inizia la partita con un ritmo indiavolato risultando il go to guy della Virtus. Poi scompare leggermente ma in generale quando entra produce punti o giocate importanti. Prestazione balistica di grande impatto. Voto: 7 Allan Ray: Non è il solito Ray che prende per mano la squadra. Realizza diversi canestri chiave ma  spesso forza o sbaglia tiri agevoli. Forse a rimonta completata è mancata la sua leadership per portare a casa la vittoria.  Voto: 5 Juvonte Reddic: Perfetto dal campo, è spesso importante per la Virtus grazie alla sua solidità. Piazza giocate importanti per tre quarti poi nel finale commette un fallo in attacco sanguinoso nell’economia del match. Resta comunque una prestazione positiva. Voto: 6

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy