Cremona – Milano, la sala stampa: le parole di Pancotto e Cancellieri

Cremona – Milano, la sala stampa: le parole di Pancotto e Cancellieri

i due allenatori commentano la partite delle rispettive squadre

Commenta per primo!

Cesare Pancotto analizza la sconfitta della sua Vanoli Cremona contro la capolista Milano: è tornata la difesa intensa e costante che abbiamo visto nei miei tre anni a Cremona e che ha caratterizzato la mia carriera. Recrimino sulla percentuale di realizzazione dall’arco, perché se nell’area soccombiamo perché i nostri mezzi no ci permettono di prevalere, abbiamo il dovere di riequilibrare le nostre sorti sul perimetro. Partita importante che ci darà fiducia in futuro. Harris ha fatto sùbito una partita importante, ha messo grande energia. Noi non abbiamo l’elemento che ci fa la giocata, quindi aumenta l’importanza di giocare tutti insieme.  La classifica è preoccupante; ma non è questo il fattore che oggi prevale, quanto la fiducia crescente nei nostri mezzi. Carlino ci aiuterà a elevare la qualità degli allenamenti e a far crescere la squadra. E’ un giocatore che può giocare da uno e da due, buone qualità del P&R, motivato, entusiasta”.

Assente Jasmin Repesa, a condurre la squadra in panchina è stato Massimo Cancellieri che in conferenza ha parlato così: “Abbiamo giocato una partita durissima dopo una settimana terribile. In più, con l’innesto di Harris abbiamo incontrato una squadra che ha cambiato totalmente volto. Siamo stati bravi a mettere in difficoltà Cremona a metà campo, anche se meno in campo aperto. Ad un certo punto, abbiamo cambiato difesa con successo. Cremona ha fatto una buona partita difensiva, noi abbiamo dimostrato particolare stanchezza in più episodi del terzo quarto. Tuttavia, abbiamo avuto voglia di vincere la partita nel finale. Il tecnico sanzionatomi a fine primo tempo è stato giustissimo. Ero sicuro di avere visto correttamente, ma la tensione della partita mi ha portato ad esagerare”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy