Deron Washington: “Sono concentrato solo sul finale di stagione”

Deron Washington: “Sono concentrato solo sul finale di stagione”

Le parole del giocatore della Vanoli.

Commenta per primo!

Punti, rimbalzi, palle recuperate, difesa e tante piccole cose che non vanno a referto ma che pesano come un macigno nell’economia delle partite. Nella Vanoli Cremona che sta disputando la propria miglior stagione nella massima serie c’è un giocatore a 360°, un factotum di grande qualità che sta vivendo i propri giorni migliori in Serie A proprio all’ombra del Torrazzo.

Deron Washington è uno dei protagonisti indiscussi della cavalcata biancoblu, un giocatore in grado di far registrare fino a questo momento 11.4 punti e 6.7 rimbalzi a partita, aggiungendo quei 2.1 recuperi che lo hanno issato in cima alla relativa graduatoria in coabitazione con Peyton Siva. Ad Avellino, nonostante la sconfitta, Deron ha sfoderato una prestazione da stropicciarsi gli occhi: 14 punti, 16 rimbalzi, 6 assist e 7 falli subiti, totalizzando un 33 di valutazione che è il suo nuovo career-high, al pari delle 16 carambole arpionate. Una grande prova, ma che lascia a “Skinny” l’amaro in bocca per non aver conquistato i due punti: “Ad Avellino ho disputato la mia miglior gara della stagione – ha dichiarato Washington durante la trasmissione tv Gancio Cielo – ma non siamo riusciti a vincere. Di fronte avevamo un’ottima squadra, che è entrata in fiducia molto presto rendendoci la vita difficile. Se riesce a tenere questi ritmi può competere per qualcosa di più del terzo posto”.

Quello contro Avellino era uno scontro diretto, ma anche un antipasto di play-off. “Avellino ha messo qualità ed intensità, sono fattori che nei play-off contano molto. Abbiamo perso, ma come ogni volta dobbiamo essere bravi a prendere spunto dalle sconfitte per migliorarci. I play-off si avvicinano e io non vedo l’ora di giocarli”.

Quella di Deron è una stagione da incorniciare e c’è da scommettere che le sue prestazioni abbiano già attirato le attenzioni delle grandi squadre, magari non solo in Europa: “Giocare in Europa contro le migliori squadre del continente è una cosa che non può non affascinare un giocatore. Credo che l’Nba sia ormai un discorso chiuso (fu la 59° scelta del Draft 2008, selezionato dai Detroit Pistons), ma l’idea di misurarmi ad alto livello mi stimola. Ora però sono concentrato solo sulla Vanoli Cremona e sul finale di stagione”.

Una stagione che a breve entrerà nel vivo, ma ci sono ancora tre gare di regular season e sabato a Varese non sarà facile: “Sarà una partita difficile, all’andata partimmo male e poi pagammo lo sforzo fatto per recuperare (Vanoli sconfitta all’overtime dopoil 23-9 del primo quarto). Sarà importante l’approccio per non dover sprecare energie nel corso della partita”.

Uff.Stampa Vanoli Cremona

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy